martedì 6 settembre 2011

Astuta Unicoop

Nella scuola-mercato si affaccia (magari già da tempo e io non lo so) la Unicoop di Firenze e offre la sua offerta formativa sul consumo consapevole . (Ucci ucci, sento puzza di conflittucci!). 
Così leggo nell'ultimo numero dell'Informatore - il mensile propaganda della Unicoop -, dove si dà contezza della furbata, che, mi convinco alla lettura, che ha il solo scopo di ampliare mercato e consenso. Allevare nuovi, freschi consumatori.
Insomma Unicoop Firenze propone alle scuole corsi di educazione al consumo consapevole variamente conditi con educazione ai media, corsi di solidarietà cooperazione e volontariato; corsi contro il razzismo;   corsi di arte e amenità varie, e invita insegnanti della piana fiorentina e d'Arezzo e di quel del pisano a tuffarsi nell'offerta secondo un preciso calendario.
Presto dunque anche Ikea ci proporrà la sua scuola - mercato, e anche Esselunga e Conad...? Quali altri corsi di consumo consapevole? Quelli ambientali? Ci insegnerà Ikea a tagliare meno alberi nella foresta amazzonica? Esselunga ci istruirà con un corso di costruzioni con mattoni equo-solidali per i suoi grattacieli?
Oh, magica parola no profit, quante ne nascondi tu! 
La domanda è: ci cadranno le-gli insegnanti?
La risposta è: sì.

Intanto, non so di altrove, ma della magica biblioteca finanziata dalla Regione Toscana alla Coop di Prato non è dato capire il funzionamento. Non c'è un cartello, non c'è un avviso.

Una signorina a cui ho chiesto, ha risposto: -La biblioteca è qui - e, intendeva un bancone delle informazioni ai clienti dov'ella si trovava, pieno di offerte, ma vuoto di libri.
C'è da credere che i libri appariranno nei giorni del prestito, come nei giorni previsti per i miracoli e le offerte.
Tuttavia, se pure posso credere che ci siano persone che usufruiscano del merca-biblio-prestito (un libro fra sedani e carote non è poi così male!) non capisco la necessità dell'operazione se non nel senso di cui sopra.
Oh, astuta Unicooppe!


Per informazioni su libri e sedani, cfr.
http://www.regione.toscana.it/bibliocoop/

Nessun commento: