lunedì 24 ottobre 2011

La Chisciotta e Sancio Panza operaio, dopo il debutto

Sabato abbiamo debuttato con La Chisciotta e Sancio Panza operaio.
Pensavamo di non riuscire a debuttare, e di rimandare ancora, il testo è complesso, perché non ha unità di tempo e luogo. E invece sono stati due giorni di bella soddisfazione.
Stamani una signora del pubblico mi ha mandato una lettera, la pubblico qui.
Ogni tanto tanto, fra tanto veleno e finta indifferenza, arriva un po' di miele:


Gentile Maila,
ieri ho visto il suo spettacolo, La Chisciotta e Sancio Panza operaio.
Volevo dirle che il testo è molto bello.
Lei chiedeva perché non abbiamo applaudito al termine del primo tempo, io dico perché eravamo emozionati.
Lo spettacolo è toccante, e oltre che sorridere, fa riflettere sulla nostra modernità.
Io vado in giro a vedere spettacoli, e non è facile vedere opere così significative e recitate bene.
In poco spazio avete dato l’idea di un mondo.
Ringrazio lei e il suo collega  (Gianfelice D’Accolti).

Giuliana Allegri

Nessun commento:

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...