mercoledì 9 novembre 2011

Bancarotta

Dunque, lo Stato Italiano è sull'orlo della bancarotta. Non è più padrone delle cose sue (da tempo...)
Berlusconi se ne deve andare; basta con questa straziante agonia.
E basta anche con questa opposizione che non è in grado di governare, litigano, troppi sono i galli che vogliono cantare.
Non vogliamo pagare gli interessi di uno Stato gestito da gente incapace di governare.
Dal piccolo comune al 'grande' governo: folle di incapaci, corrotti, ambiziosi. Servi di partiti. Familismo imperante, anche nelle imprese.
Insomma, i più meritevoli non vanno avanti.
Vedete la nostra provincia: è diventato assessore alla cultura un figlio di un industriale che dopo aver vinto un premio letterario di industriali non si cura più di quello che deve fare che già non si curava all'inizio; diventano registi i figli di industriali che hanno foraggiato i partiti...insomma, tanto per fare esempi che conosciamo bene.
E' tutto così.
Vogliamo sbarazzarci di questa rete degli incapaci e furbi che in realtà non ha fatto altro che ingrassare e ingrassarsi all'ombra del gran vizir.
BASTA.

1 commento:

nonsòchecazzom'èpreso ha detto...

Concordo. Dal governo al piccolo comune. Tutti uguali e saccenti.

La memoria ha un piccolo teatro

Ho ritrovato le fotografie di quando, mio padre e io, iniziammo a trasformare La Baracca in un piccolo teatro. Le fotografie del cantiere. ...