sabato 31 dicembre 2011

Il Teatro La Baracca e l'aporia di Zenone

Il Teatro la Baracca rappresenta simbolicamente la tartaruga nell'aporia di Zenone: Achille -dice Zenone- non raggiungerà mai la tartaruga, poiché ad ogni suo grande passo corrisponderà sempre un piccolo passo dell'animale. Così ieri sera è stato dimostrato.

Ieri sera, con la decima e affollata replica de L’infanzia negata dei celestini, si è infatti felicemente concluso il nostro anno teatrale al Teatro La Baracca legato a Sipario Aperto.

La nostra attività continua, anche perché il pubblico segue e apprezza, nonostante la crisi e a dispetto di trovarci in un luogo così distante dal centro, così poco di moda.

Andare avanti e proporre un teatro sempre più significativo e possibilmente bello, questo è il nostro obbiettivo, e non abbiamo paura, nonostante molti venti soffino contrari.

Domani ci saremo di nuovo con il teatro ragazzi e a metà gennaio con uno spettacolo da non mancare L'antologia del Bisenzio  Come una Spoon River - Lettura dannate da una città a picco: sarà il modo migliore per iniziare teatralmente il nuovo anno.

Grazie a tutti coloro che ci sostengono.

Maila


Nessun commento:

Di turismo si muore

All'inizio il Ministero del turismo non esisteva. Il primo fu il   Ministero dei Beni Culturali e l'Ambiente, istituito da Moro...