martedì 24 gennaio 2012

Patrocinio a Casa Pound

Polemica sul patrocinio dato dall'Assessorato alla Cultura di Prato all'incontro culturale su Ardengo Soffici organizzato da Casa Pound di Prato il giorno 14 gennaio scorso. Ci sarà un'interpellanza comunale del PD.
L'assessore Beltrame dice di stupirsi della polemica, e sostiene che "fascismo significa impedire o limitare la libertà di espressione delle persone; la cultura, invece, è dare la possibilità di esprimersi a chiunque lo faccia nel rispetto delle leggi e delle regole" .  Che comunque il patrocinio è stato dato prima dei fatti di Firenze.
D'accordo. 
Tuttavia è necessario fare un po' di storia e analizzare: aderenti di Casa Pound fecero irruzione alla Rai, interrompendo la trasmissione del programma Chi la visto? nel 2008 in seguito alle violenze per le manifestazioni studentesche a Roma, dove si  erano visti ragazzi con il manganello pronti a picchiare.
Sempre nel 2008 uno dei fondatori  di Casa Pound, Iannone,  si espresse in questi termini: "Fini, parlando del fascismo come del male assoluto, ha fatto dichiarazioni di una gravità immensa, da irresponsabile. Il fascismo è stato l’esperienza più bella della storia d’Italia".
Può darsi che sia stata l'esperienza più bella, ma in casa mia mio nonno paterno, dopo aver preso tante botte dal fascisti per essere di altra opinione, dopo essere tenuto agli arresti domiciliari perché non voleva andare alle adunate in Piazza Ciardi, dopo aver vissuto la guerra, non la pensava proprio così. 
E ancora, lo stesso Iannone, qualche giorno fa ha manifestato certa soddisfazione per la morte di un giudice, dichiarazione poi corretta con ‘battuta infelice’.
Casa Pound ama provocare e quindi di questa bagarre sarà in qualche modo soddisfatta: essa pone un nuovo tipo di Fascismo, che fa propri modi e miti della Sinistra, confondendo le idee: fa occupazioni, elogia Che Guevara; parla di solidarietà. Certo illogicismo, irrazionalismo, libertarismo di Casa Pound lo si ritrova nel Fascismo al suo nascere, che catturò anche intellettuali come Papini, per esempio, oltre allo stesso Soffici; insomma, non fa che riproporre il Futurismo riveduto e (s)corretto, ma in realtà questo modo poco ortodosso di porsi nelle idee e con le idee, oltre che con le persone-simbolo non fa che intorbidare le acque; dice e nega allo stesso tempo, esattamente come ha fatto Iannone nei confronti del giudice Saviotti, e si pone all'attenzione dei media, oltreché dei propri aderenti, simpatizzanti e interlocutori, con subdolo metodo tattico. 
Oltre alla volontà di porsi come voce autorevole, organizzare eventi nasconde quella del proselitismo, e in certi casi è veramente strumentale e scorretto l'uso che Casa Pound fa del termine 'cultura' e dei relativi rappresentanti.
Dunque è più che lecito stare in guardia e porre interrogativi, sempre, e non farsi sedurre da certe, diciamo così,  associazioni con finalità 'sociale'.  Ma soprattutto non farsi intimidire.

Nessun commento: