sabato 19 aprile 2014

Lontana è la Pasqua della politica

Ripeto quello che ho già detto e ridetto: queste elezioni sono veramente 'tristi', senza nessuna emozione particolare.
I soliti riti, con qualche brutalità di più, anche grazie ai media sociali.

Non solo si prevede, ma anche si sente l'aria dell'astensionismo.

Una democrazia stanca, inconcludente, vuota e vanitosa, che ci dovrebbe rappresentare: ma questi personaggi che si mostrano in lista non ci rappresentano.

Pur vicini, non ci conoscono né ci vogliono conoscere.

Anzi, ci vorrebbero piuttosto cancellare. Se va bene, insultano, deridono. L'insulto e la derisione è diventato ormai il sistema più frequentato in questa politica dal guscio vuoto, attraverso cui si attua una guerra sorda, senza morti sul campo, ma effettiva.

Lontana è la Pasqua della politica. 

Invece più vicina a noi  è la storia dell'Isola di Pasqua, anche se ha avuto luogo un millennio fa.
Brevemente la riassumo.
Le famose teste di pietre dell'isola che i potenti si sfidarono a costruire sempre più alte per dimostrare il loro potere, furono anche causa della loro fine.
Talmente fu la sfida che i contendenti cercavano di innalzarle sempre più alte con ogni mezzo, finché finirono per distruggersele vicendevolmente.
Il legno, che era stato il loro sistema tecnologico più avanzato per innalzarle e di cui l'isola di Pasqua era ricca,  in questa gara e lotta fu consumato tutto, tanto che gli isolani nemmeno poterono costruire le navi per fuggire.
Fu così che, non essendoci più flora anche la fauna disertò la loro terra, e gli abitanti non ebbero più da mangiare e diventarono antropofagi, fino a annientarsi.

Nessun commento:

Prato città cannibalizzata

Prato è una città che è stata cannibalizzata. Basta confrontare il suo centro storico con un'altra città toscana che non sia Firenze....