giovedì 29 maggio 2014

Ricorso al TAR

Per stamani è fissata la discussione del ricorso del Teatro La Baracca contro le decisioni dell'Ufficio Cultura della Regione Toscana in merito alle Residenze Teatrali (residenze per alcuni e altri no; eh, sì, è tutta un'altra storia!) sostenute dalla signora Cristina Scaletti (un tempo assessora alla cultura sbolognata per aperitivi sulla spiaggia maldigeriti e campagne pubblicitarie farlocche della Regione Toscana, e ora miracolosamente scampata all'oblio -contrariamente alle città etrusche-, riuscendo a entrare, lei sola delle sue due liste fiorentine, in consiglio comunale a Firenze!); residenze sostenute e organizzate dall'ufficio cultura dove lavora come dipendente la ex-presidente del Teatro Metastasio, Gerarldina Cardillo (ma non doveva tornare all'ospedale come ostetrica?, lei stessa lo disse!) e la ex-dirigente ETI, la romana Ilaria Fabbri.
Se il ricorso dovesse essere accolto, devono sospendere e rifare tutto.
Risultato? Sto aspettando la telefonata dell'avvocato...Indovinate, intanto!

Questo è il mio secondo ricorso contro il sistema culturale della Regione Toscana.
Il primo fu nel 2002, quando negarono soldi alla mia produzione teatrale per un fatto solo di 'forma', in quanto ente privato e non associazione.
Oggi i privati sono invitati a investire nella cultura; anzi, hanno detrazioni fiscali in beneficio! (Ma non si tratterà solo di privati ricchi e non privati poveri?).


Nessun commento: