martedì 17 giugno 2014

Museo Pecci museo di tutti?

Dall'Ufficio Stampa del Museo Pecci ricevo e pubblico il comunicato sull'incontro che vi si terrà prossimamente.
Mi chiedo: perché parlano ancora e sempre gli stessi?
Oltre al Metastasio, hanno chiamato a parlare una compagnia di Scandicci, Kripton. 
Mi domando se la 'chiamata alle arti' non sia sulla base dei finanziamenti che si riceve dalla Regione piuttosto che per il teatro o l'arte che si fa o per le idee che si possono avere.
Per chi non lo sapesse, comunico che la compagnia Krypton ha ricevuto la sua 'residenza' dalla Regione Toscana, e per questo tanti soldi da gestire (461.945,58 euro in tre anni); il TPO, anch'esso presente, è l'unica compagnia riconosciuta di teatro ragazzi in città. 
Ancora ci invitano a essere solo spettatori, e per giunta del medesimo spettacolo, che va in scena, pur con qualche breve insignificante interruzione, da troppi anni.  NO, GRAZIE.




"Centro Pecci, il museo di tutti

“Il Centro Pecci deve essere effettivamente un Centro dove le varie arti convivono?”


Mercoledì 18 giugno alle ore 18 secondo incontro fra il direttore Cavallucci e le varie realtà dell'area pratese e metropolitana. Ingresso libero. 

Dopo il successo dell'incontro del 29 maggio, che ha visto la partecipazione alla discussione di più di centoventi persone tra cui il neo sindaco Matteo Biffoni in qualità di nuovo presidente del Pecci, proseguono gli incontri di ascolto voluti dal nuovo direttore Fabio Cavallucci e dal consiglio direttivo del Centro Pecci per cercare di elaborare un progetto strategico innovativo per l'istituzione artistica pratese.



“Il Centro Pecci deve essere effettivamente un Centro dove le varie arti convivono?” Sarà questa la domanda-tema che animerà l’incontro di mercoledì 18 giugno alle ore 18 presso l’auditorium del Centro Pecci dove il pubblico è invitato a partecipare e intervenire.

Oltre che dei membri del Consiglio Direttivo del Centro Pecci, del direttore Fabio Cavallucci e del curatore Stefano Pezzato, sono previsti interventi di:
Massimo Luconi, direttore organizzazione e progettazione Teatro Metastasio;  Davide Venturini, Compagnia TPO;  Silvia Lucchesi, direttore de Lo Schermo dell’Arte Film Festival;  Marco Imponente, direzione Videominuto;  Giancarlo Cauteruccio, direttore artistico Teatro Studio Krypton".


Nessun commento:

Prato città cannibalizzata

Prato è una città che è stata cannibalizzata. Basta confrontare il suo centro storico con un'altra città toscana che non sia Firenze....