giovedì 17 luglio 2014

LA GIUNTA DELLA NOIA MORTALE

Nonostante l'assessora al Bilancio ci dica che mancano i soldi, e per questo saranno aumentate le tasse, ecco che arriva la notizia che la Palla Grossa si farà esattamente come se i soldi ci fossero e si invitano anche i grandi nomi che costano bei soldini.

E' dimostrato, ogni giorno che passa sempre di più, che fra Cenni e Biffoni c'è assoluta continuità, le differenze sono dettagli e riguardano le singole persone o gli assessori.

Nessun elemento nuovo contraddistingue la nuova giunta, se non una NOIA MORTALE; ecco, rispetto a quella di Cenni, è decisamente più INSIPIDA.

Nei primi due mesi di governo, ricordo che in piena estate, Anna Beltrame aveva fatto già le sue dichiarazioni di fuoco 'rivoluzionario' e anche altri assessori, come Milone dei mille blitz o Silli della Partecipazione eccetera, ci avevano movimentato l'estate con il fumo dei cannoni di cartone.

Questi invece non li senti e soprattutto non li vedi. 


(P.S.) E quando fanno dichiarazioni e si esce allo scoperto, come la Presidente del Consiglio Comunale Ilaria Santi riguardo alla vicenda dell'aeroporto, che si dice contraria all'ampliamento dopo che la Giunta Regionale ha votato a favore, queste sono del tutto inutili, hanno lo stesso effetto di un bel compitino ricopiato in bella che si deve presentare alla maestra per fare bella figura. In questo caso ai cittadini, che altrimenti si sentirebbero ingannati ad appena pochi giorni dalla chiusura della campagna elettorale, in cui la Sinistra pratese ha assolutamente giurato che avrebbe dato il proprio petto piuttosto che permettere l'ampliamento.  Insomma, bisogna tenere il fronte, anzi i due fronti, del no e del sì.  Governo e opposizione, vogliono fare tutto loro.
Absit iniuria verbis: sono modi di fare che ricordano i vecchi (ma ce ne sono di giovani, uh quanti ce ne sono!) , furbissimi e rampanti catto-comunisti.
http://comunicati.comune.prato.it/generali/?action=dettaglio&comunicato=14201400000935

1 commento:

Anonimo ha detto...

Sono tutti impegnati con i loro bambini.