martedì 22 luglio 2014

"Laris Pulenas" all'Isola d'Elba


Ricevo e volentieri pubblico.


"LARIS PULENAS ALL’ELBA
Il dramma dell’etrusco Laris Pulenas, suggestiva piece teatrale scritta ed interpretata da Maila Ermini e con Gianfelice D’Accolti, rivive a Marciana Marina il prossimo 28 luglio (piazza Bonanno, ore 21,45), in un’edizione unica e speciale, portata alla ribalta isolana dalla neonata Associazione “Ilva-Isola d’Elba”.
Che dire di questo spettacolo per sua natura evocativo e ricco di incroci esistenziali? Un testo teatrale che gli artisti del Teatro “La Baracca” di Prato mettono in scena solo in particolare occasioni in un assonante impegno culturale e sempre in luoghi di grande fascino, come lo fu la memorabile prima nazionale, nel luglio 2008, nella cavea naturale di Poggio Castiglioni sui Monti della Calvana sovrastanti l’area archeologica della città degli Etruschi di Gonfienti, la cui esistenza era ed è tutt’ora a rischio di obliterazione per far posto alla cementificazione infrastrutturale dell’area.
Un’opera dunque anche di grande impegno civile dai connotati etico morali, che si è spesa per mantenere vivi i diritti costituzionali della cultura attraverso il racconto delle vicende di questo aruspice etrusco, colto filosofo dei suoi tempi, accusato di empietà dalle ragioni di Stato, figlie in quel caso del potere di una Roma cinica e spietata che, abbandonati gli ideali repubblicani, ormai guardava a se stessa come il polo di un grande impero. Laris Pulenas, accusato di empietà, rappresenta in realtà l’archetipo del capro espiatorio in una storia senza tempo.
La metafora sapientemente suggerita da Maila e Gianfelice in un incalzare scenico, forte e struggente, costruito su otto personaggi da loro stessi interpretati in un’efficace scambio di ruoli, nei modi della migliore tradizione della commedia classica, è legata emotivamente al tema della giustizia, quella amministrata con la menzogna dai poteri forti di turno che tutto fanno e disfanno. Questa drammaturgia ci fa inconsapevolmente riflettere per capire dove abitano le ragioni della vera empietà con la profanazione della storia, della verità e, in definitiva, della cultura. Uomini di cultura, come Laris Pulenas, che il potere non può incapsulare nel bozzolo di una magra e diffamante dimensione esistenziale o, ancor più, ridurre al silenzio assoluto perché, quand’anche esiliati, devono piuttosto morire.
La cultura perde pezzi, lo sappiamo bene anche oggi, ma sopravvive in questo caso che ci proviene dal passato visibile nell’ideale del mito e della leggenda, ben personificato dal soccombente mondo etrusco al quale tuttavia siamo in realtà tutti debitori per l’arte, per il rispetto della natura, per la capacità di vivere il trascendente e la bellezza del quotidiano, nonostante sia stato un popolo militarmente soggiogato e vinto.

Il ricordo di Laris Pulenas e della sua “realistica” vicenda testimonia, nella felice trascrizione di un personaggio vissuto 2400 anni fa, eppure dimenticato come sono dimenticati tanti altri silenziosi artefici della cultura, una verità indiscutibile; ecco perché la felice intuizione di Maila Ermini di farne, attraverso la sola parola recitata, magistralmente interpretata da parte sua e da uno strepitoso Gianfelice D’Accolti, autentica azione teatrale in luoghi che possono esaltarne il valore emotivo, è qualcosa che resta profondamente dentro ognuno. Si tratta di un’opera che ha in sé la forza di svelare una verità velata che lo spettatore non potrà più dimenticare illudendosi di non sapere, magari girandosi con disincanto dall’altra parte per non tradire, eppur tradendo".
(Prof. Giuseppe Centauro)

Nessun commento:

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...