sabato 16 agosto 2014

Piazza Mercatale, ovvero il volgar popolare

Ieri sera sono passata a Prato, erano quasi le undici.
E' stato come un tuffo nel volgare assoluto e nello sporco.

In particolare piazza Mercatale, al 'Tondo', si esibiva un dj con tanto di pista saponata davanti; lui si sforzava di parlare in trito-toscano, con le solite frasi luoghi comuni, ma naturalmente metteva la peggiore musica solo in lingua inglese, tutta da discoteca, nemmeno a dirlo.

Il Mercatale, nel suo complesso, era irrespirabile. Puzza di orina e sporcizia ovunque.

Invece di valorizzare la piazza, la movida, con il suo disordinato, affollato e brutto parcheggio, rende il Mercatale un luogo abbrutente e squallido.

Senza parlare delle bucce di cocomero sparse un po' ovunque, resti di una tristissima Festa di Mezza Estate (?, ex Festa del Cocomero).


1 commento:

Simone ha detto...

Passano le Estati ma il Mercatale continua a restare uno dei luoghi meno curati del centro.È assolutamente inutile affidare a una associazione gli "eventi"estivi se poi non la si impegna a curare l'area dopo la fine degli stessi(ripulendo le inevitabili sporcizie)e soprattutto non le si impone un minimo standard qualitativo nell' offerta.
I risultati sono sotto gli occhi di tutti .

Prato città cannibalizzata

Prato è una città che è stata cannibalizzata. Basta confrontare il suo centro storico con un'altra città toscana che non sia Firenze....