giovedì 9 ottobre 2014

LETTERA A MINA

Cara Mina,
ho visto un pezzo dell'ultimo intervento di Crozza su La 7, c'è un sottile, ironico attacco te e alla tua continuata assenza dalla televisione e dal teatro.
La svalutazione del senso attraverso la ridicolizzazione, con la scusa della 'satira'.
Il procedimento è noto.

 - Ma la strategia di Berlusconi qual è? -, Crozza chiede a Toti.  - Mi sembra che sia la strategia di Mina, sparisce dalle scene sperando che la gente voglia rivederlo...Faccio un cd con Celentano?-.

Certo  non devi essere molto simpatica all'establishment, questo un po' da sempre, ma in particolare da quando hai dato in qualche modo un 'appoggio' a Grillo con la tua lettera "I politici e l'imenoplastica": http://www.beppegrillo.it/2012/05/i_politici_e_limenoplastica_di_mina.html

Se non proprio appoggio a Grillo, sicuramente un attacco al sistema politico.

Il potere te la fa pagare, e non dimentica. Un artista, un intellettuale è un po' come uno schiavo, costretto dal bisogno, e deve tacere. Ancor più di qualsiasi altro lavoratore è costretto a chinare il capo, perché altrimenti non lo fanno lavorare. Non è così, Mina?

Spero che tu non torni mai in televisione. In questa televisione.  Se proprio devi tornare, fallo in un teatro. Ma che sia un teatro libero, o un po' al di fuori di questi gestori-direttori pagliacci.

Fai come Gaber. Che tutti ora osannano, ma di cui non dicono la vera protesta.
La tua bellezza, oltre che nella tua inarrivabile voce e  interpretazione, sta in questa assoluta ribellione. Almeno tu persisti, che te lo puoi permettere.


Maila Ermini

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Crozza? un ti-guitto della Malesia! un moscerino della scena, a confronto di Mina. Quando sara' stra-morto, sara' polvere dimenticata. Servo di podere!
Mina, gia' nel firmamento.

Fiele

Anonimo ha detto...

Sarebbe bello che Mina rispondesse alla tua bella lettera, e dare uno schiaffo a tutti questi cavalier serventi!

Lucia

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...