martedì 24 febbraio 2015

Poesia ritrovata

Lavorando per "Lo spettacolo della città" ho ritrovato questa mia poesia, scritta a Cecina, dove si recitava poesie all'ombra di un traliccio.


Il poeta l’avevan messo
All’ombra di un traliccio.
Il poeta – imbestialito – gridò:
-O lui o me - .
Il pubblico già pronto, seduto,
sorrise:
-Fa parte dello spettacolo? Recita? Macché-!
Ci fu un consulto
La voce percorse le seggiole,
le poltroncine, si dibatté.
-Lui! – fu detto-,
La luce non può mancare.
Andare!-
Il poeta, sì.
-Se ne chiami un altro-, fu il grido!
Ma il traliccio
Forse impietosito
Seguì il poeta già partito.
Fu buio in sala.

Tiè. 

Nessun commento:

Cos'è un teatro libero?

Cos'è un teatro libero? Ed è possibile oggi, per un teatro, essere libero; ossia che i propri artisti riflettano problemi,  paure e s...