martedì 3 marzo 2015

Trombone al computer (Spleen 2000)

C'era un giorno un gran trombone
che passava il giornatone

davanti al suo computerone!

Anzi due o tre ne aveva
sì che bene vi giocava.

Al mattino?, fresco e rasato
faceva la rivoluzione!
clic clac clic clac
'questo l'ho distrutto',
'questo è andato'!
usando tutta la munizione;
il pomeriggio, più stanco,
faceva merendina,
dando una spulciatina
di qua e di là,
annoiato
e pure (diciamolo)
ingrassato.

All'improvviso, gasato
il trombone (un po' invidioso)
tornava a commentare,
e con astio rinnovato,
da ficcanaso;

lui sì a ragionare
della ragione che aveva;
e se poteva, a spetazzare:
clic clac clic clac cloc,
cliccò!
Nickname Gambatesa.

Alle otto già di sera
si metteva in camiciera
si infilava giù nel letto
con indosso il suo berretto.

Oh, che malinconia
è passata la giornata
in totale apatia
quasi quasi atarassia! 
Si dà l'ultima svegliata
e si guarda un po' la tele,
ora spulcia il commentino,
mentre dorme a luce accesa
che gli sta sul comodino.

Nessun commento:

Cos'è un teatro libero?

Cos'è un teatro libero? Ed è possibile oggi, per un teatro, essere libero; ossia che i propri artisti riflettano problemi,  paure e s...