domenica 17 maggio 2015

Programma estivo del Teatro La Baracca (Il Pereto dentro e fuori)

La situazione culturale con cui ci confrontiamo ha colore e sapore  di "Terra Desolata", ma ostinatamente siamo qui.
"Lo spettacolo della città" è inserito nella Pratoestate 2015; tuttavia il Teatro La Baracca non riceve un euro di finanziamento pubblico per la sua attività in sede ed è stato escluso da ogni finanziamento regionale perché -e questo a livello formale - ritenuto teatro non conforme a criteri aziendalistici e quindi di grandi numeri e incassi.
A livello ideologico è osteggiato e deriso, perché non è un teatro inserito nell'ideologia, anzi nella 'nullologia' del teatro e della cultura in genere dominante, per cui ogni attività culturale deve essere funzionale alla propaganda per cui essa è finanziata e sostenuta.

Lunedì 25 maggio
GONFIENTI, VIA COL VENTO
Incontro di sensibilizzazione culturale 
(Dibattito con ingresso libero, fuori programma)

Venerdì 5 giugno
GIROTONDO di A. Schnitzler, con gli allievi di Teatro de La Baracca

Giovedì 18 giugno
VI ODIO CARI STUDENTI, letture e conversazioni da Pier Paolo Pasolini adattamento e regia di Maila Ermini, e con Francesca Lenzi (ingresso a offerta libera)

Domenica 28 giugno
LO SPETTACOLO DELLA CITTA'  (secondo viaggio)

Domenica 5 luglio,
CONVERSAZIONI SUL TEATRO: Gianfelice D’Accolti racconta e legge Orazio Costa Giovangigli (ingresso a offerta libera)

Martedì 14 luglio,
L’AMORE E’ UN BRODO DI CAPPERI, commedia scritta e interpretata da Maila Ermini (ingresso a offerta libera)

Domenica 26 luglio LO SPETTACOLO DELLA CITTA'  (terzo viaggio)

Domenica 30 agosto LO SPETTACOLO DELLA CITTA'  (quarto viaggio)


Gli spettacoli - con l'esclusione de Lo spettacolo della città in collaborazione con il Comune di Prato e che ha costi e orari diversi , hanno inizio alle 21,30.  
Teatro La Baracca via Virginia Frosini 8 - Prato. Telefono 0574-812363
www.teatrolabaracca.com
teatrolabaracca@gmail.com


Nessun commento:

Cos'è un teatro libero?

Cos'è un teatro libero? Ed è possibile oggi, per un teatro, essere libero; ossia che i propri artisti riflettano problemi,  paure e s...