mercoledì 21 ottobre 2015

D'Ippolito al Metastasio

Che dire del signor Francesco d'Ippolito al Teatro Metastasio?

Intanto che la nomina ha lasciato la città indifferente. A parte le solite polemiche politiche o le partigianerie per Magelli costretto a lasciare, come anche accadde quando fu sbolognato Tiezzi.

E non poteva che essere così, indifferenza o rassegnazione?, perché il signor d'Ippolito è un manager del teatro,  come ormai lo sono anche altri pur giovani direttori teatrali, e dal suo curriculum non risulta che lo abbia mai praticato come attore, né come regista o drammaturgo.

A dirigere i teatri non ci sarà più il regista che organizza anche il suo spettacolo, la sua produzione, magari con la compagnia ruffiana e prediletta,  dando tuttavia uno stile al teatro, ma saranno chiamati soltanto manager.

La parola inglese deriva dal francese manager, e dal latino manu agere, 'guidare una bestia stando avanti a lei', che in italiano è diventato 'maneggiare' e 'maneggio' (recinto dove si addestrano i cavalli).

Il significato della parola inglese è cambiato poco rispetto al latino, perché il manager è  'colui che conduce gli altri'.

La nomina di D'Ippolito testimonia, se ce ne fosse bisogno, che si vuole trasformare i teatri in azienda, dove saranno proposti i soliti nomi noti con i quattro spettacoli sempre gli stessi che girano; o i nomi 'giovani', o i falsamente trasgressivi, gruppi e compagnie usati strumentalmente per mostrare aperture che non esistono affatto, ma tutto finalizzato alle quadrature di bilancio e  alla 'rinomanza'.

Ci saranno insomma, per i teatri-vetrina, i fuochi d'artificio, i nomi da vertigine, e le strategie d'incasso. 

Si ripete e amplifica la solita cultura d'esclusione e praticata dalla Regione Toscana, che ha decretato la morte di tutto quello che non è cultura aziendale o di partito o conforme. 

Tutto quello che è alternativo o almeno prova a esserlo, non può più vivere. 

Uno sterminio culturale, artistico, economico; altroché.

Nessun commento:

Il mondo del lavoro (3): il corriere

Ormai il giardino della Baracca, il pereto, è il luogo preferito dai corrieri di varie ditte per buttarci tutto quello che rimane loro dall...