giovedì 10 dicembre 2015

Puzza di pesce (vecchio e addomesticato)

In Piazza del Pesce a Prato c'è una installazione che fa discutere messa su dalla galleria Die Mauer e finanziata dal Comune. Alcuni cittadini, scandalizzati, chiedono cosa significhi. Si sprecano i commenti ironici.
I filogovernativi (e un po' a digiuno d'arte) invece dicono, più o meno: "Finalmente, vi siete resi conto della piazza". Oppure: "Vedete? Così si discute d'arte".
Si tratta del vecchio 'atto gratuito' (definizione di André Gide), ossia l'improvvisa comparsa di qualcosa di assurdo e repellente (e che si modifica, certo).
Brecht creò qualcosa di simile in teatro con l''estraniazione'.
Osservando l'installazione confesso di soffrire di terribili attacchi di dejà-vu.

Eppure, per quanto saltino selvaggiamente, i nostri pesci, o anche leoni e leopardi, sono evidentemente addomesticati.


P.S. del 13 dicembre: lo spettacolo vero è osservare le facce e i commenti dei pratesi davanti all'installazione-spazzatura. 

Manca uno specchio-segreto (ma gli artisti non c'hanno pensato? Miror!),  o qualcuno che in carne e ossa esegua il vero evento insomma, la registrazione dei cittadini scandalizzati o disgustati eccetera davanti a  questo tipo di opera, che loro pagheranno 4500 euro.

Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...