sabato 19 settembre 2015

LA STAGIONE TEATRALE 2015-2016

Sabato 26 settembre
venerdì 2 - sabato 10, 17, 24 ottobre
Le tre vite del ragazzo di Tien An Men

Sabato 7 novembre
GATTA AL LARDO
Ragionamento comico sui proverbi

Sabato 21 novembre
KARL LAQUA
Il boia di Figline di Prato

Sabato 5 dicembre
CONCUBINI
Dramma intorno ai concubini di Prato

Sabato 19 dicembre
L’infanzia negata dei  celestini

Sabato 26 e Domenica 27 dicembre
Pagliaccia Secca, S.O.S…NATALE !

Giovedì 1 e  domenica 4 gennaio 2016
La Beffana

Domenica 10 gennaio 2016
Dina la Vespina

Sabato 23  gennaio 2016
Oh, Spedale!
di e con Gianfelice D’Accolti

Sabato  6 febbraio
La famiglia cento  
(Le sbacchettate)
    di e con Maura Salvi

Sabato  20 febbraio
PUZZI COME UN CANE
(Blocco Nero)

Sabato 5 marzo
IL BIGNAMINO DELLE DONNE

Domenica  13 marzo
GIOCO-CANZONI

        Sabato 19 marzo
Festa della poesia

Domenica 10 aprile
Lo spettacolo della città
Viaggio spettacolo nella Val di Bisenzio

                                                   Sabato 7 maggio
Venusiana sola cerca Terrestre

Domenica 15 maggio
Lo spettacolo della città
Viaggio spettacolo a Pistoia

Data da definire
dogshit
con il gruppo di teatro de La Baracca

Gomma e Matita

con il gruppo di teatro ragazzi de La Baracca

LA COMIZIATRICE ETRUSCA

venerdì 18 settembre 2015

Presentazione della stagione teatrale

Domani 19 settembre, ore 11, in un Teatro La Baracca rimesso a lucido, presentiamo la stagione teatrale 2015-2015 a pubblico e stampa. 

Ventuno spettacoli, oltre alle attività didattiche. Siamo anche riusciti a inserire una ospitalità. E, per ora, senza nemmeno un soldo pubblico, che pure ci meriteremmo. 

Com'è noto la Regione Toscana non ci ritiene degni di un centesimo, perché non siamo un teatro-azienda, e non siamo nemmeno tutto il resto. 

Il Teatro La Baracca, che poi sì è il mio teatro, esiste da 23 anni, producendo cultura, socialità, ecologia sul territorio. Senza lucro. Qui il teatro è arte, non vetrina. Grazie a chi lo vorrà sostenere con la propria presenza.


Volantino de "La Marcia Giusta", Camminata per Gonfienti


L'Elba e i suoi beni culturali

Ricevo dall'Associazione Ilva-Isola d'Elba il materiale relativo al prossimo convegno "L'Elba e i suoi beni culturali".


I Beni Culturali dell’Elba passati ai raggi x in un Convegno NAZIONALE il 16 e il 17 ottobre a Marciana Marina.

Fra un mese circa l’Elba ospiterà un convegno di grande interesse, che si terrà nell’auditorium di viale Vadi a Marciana Marina.
Il titolo è “L’Elba e i suoi ben culturali: anatomia di un patrimonio da proteggere, conservare, valorizzare”. Saranno due (il 16 e il 17 ottobre) le giornate dedicate all’archeologia, alla storia, all’arte, all’architettura e al paesaggio di un territorio ancora in gran parte da scoprire e da salvaguardare con maggiore attenzione.
Organizzato dal Comune di Marciana Marina con la diretta promozione dall’Associazione “Ilva-Isola d’Elba/Via Etrusca del Ferro”, il convegno vedrà la partecipazionedi prestigiose istituzioni scientifiche (Dipartimento di Scienze della Terra e Dipartimento di Architettura), con il diretto patrocinio dell’Università degli Studi di Firenze, del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, del CAI -Comitato Scientifico Nazionale, dell’Ordine degli Architetti PPC di Livorno) e la collaborazione di associazioni elbane (La Torre di Marina di Campo, Amici di Montecristo) che da tempo si dedicano agli studi sull’Elba e sull’Arcipelago toscano.Hanno dato la loro adesione anche la Fondazione “Isola d’Elba” che sarà presente con alcuni personaggi che fanno parte delle sue commissioni, l’Associazione Architetti elbani e, dalla Campania parteciperà l’Associazione dei Pensieri Scomposti di Salerno e sarà presente anche una delegazione del Comune di Vietri sul Mare con il quale è stato attivato un gemellaggio culturale con Marciana Marina, attraverso un protocollo d’intesa, con lo scopo di approfondire importanti ricerche su una delle più importanti vie antiche del ferro elbano che coinvolgerà anche la citata associazione salernitana e studiosi campani.
Il programma dettagliato, coordinato dal prof. Giuseppe Centauro e dal prof. Michelangelo Zecchini, sarà comunicato nei prossimi giorni, ma intanto trapelano già alcuni nomi di importanti relatori. Per il momento due esempi: il prof. Francesco Mallegni, già titolare della cattedra di antropologia presso l’Università di Pisa, passando in rassegna le più remote frequentazioni umane dell’Elba, non mancherà di accennare anche alla recente e straordinaria scoperta sudafricana del cosiddetto Homo Naledi; il prof. Carlo Alberto Garzonio, ordinario di geologia applicata presso l’Ateneo fiorentino, parlerà delle sue originali indagini sul versante settentrionale del Monte Capanne. 

giovedì 17 settembre 2015

Come viene organizzata la "European Mobility Week" a Prato?

Prato partecipa alla "European Mobility Week",  almeno sulla 'carta'. (1)
Sembra per la prima volta.
Risulta che Prato dovrebbe organizzare una giornata senza macchine, attenersi a certe cosette, come risulta dal copia e incolla che ho tratto dal sito dell'European Mobility Week.

Cosa la organizza, in concreto il Comune di Prato?

In questa settimana di presunta mobilità alternativa, l'unico evento annunciato è l'UrbanEco Festival  (2) (un altro titolo in inglese!), che sì prevede una finalità ecologica, ma in sostanza è un'altra serie di concertoni a ingresso gratuito.

Non vorremmo che i soldi, (se ci sono e forse no, risulta chiaro solo che c'è un premio in palio), destinati dall'Europa a certe finalità, a Prato fossero spostati, ancora una volta, a concerti concerti concerti, mentre langue del tutto una vera politica ecologica, con nessuna educazione, nessuna pubblicità progresso eccetera.

Oppure che ci dicessero che questo festival è un segnale di politica ecologica. Il che significherebbe che ancora una volta ci troviamo nel mondo delle favole.

E poi insomma, di tutte le belle cose che si potrebbero fare per questa settimana (vedi, The participant is comitted to, ma anche Permanent Measure Implemented),  qui non si fa nulla, se non un triste rilevamento, un questionario!

___

PARTICIPATING CITY  
Participant:Prato 
Website:www.comune.prato.it
Population:1 90. 000 inhabitants

LOCAL CONTACT

Department:mobility
Contact:Gerarda Del Reno
Address:Piazza Mercatale n.c. 33 - 59100 Prato - Italy
Phone:+39 5741836653
Email:Email to Gerarda Del Reno

PARTICIPATION IN 2015

The participant is committed to:
  • Organising a week of activities, taking into account the focal theme.
  • Implementing one or more new permanent measure(s), which contribute(s) to modal transfer from private car to environmentally sound means of transport. Where possible, at least one of these measures should be a permanent reallocation of road space in favour of walking, cycling or public transport (e.g. road closure, wider pavement, new cycle or bus lane, new traffic calming scheme, lower speed limit).
  • Organising a "Car-Free Day" event on 22 September by closing one or more streets to traffic, and instead opening it to pedestrians, cyclists and public transport
Actions relative to the theme:
Rilevazione degli spostamenti dei cittadini in ambito urbano. La rilevazione sarà effettuata attraverso la somministrazione di un questionario informatizzato, al fine di raccogliere informazioni specifiche sulla multimodalità.
Zone restricted to the private car:
Area del centro città

Permanent measures implemented:

  • Improvement of bicycle network (creation of new lanes, extension, renovation, signposting etc)
  • Improvement of bicycle facilities (parking, locks etc)
  • Create or enlarge pedestrian streets
  • Improvement of infrastructure (new foot bridges, pavements, road crossings, zebra crossings etc)
  • Use of ecological vehicles for public transport fleets
  • Development of new technologies to improve public transport
  • The development of accessible transport services for all
  • Speed reduction programmes in zones near schools
  • New traffic regulations: traffic circulation and parking
  • Create the tactile pavements
  • Create wheelchair ramps
  • Lowering of pavements
  • Enlargement of pavements
  • Elaboration of sound devices in traffic lights
  • Removal of architectonic barriers
  • Launch of accessibility plans
  • Create useful tool for people with reduced mobility
  • New regulations for freight distribution
  • Create/establish mobility centers and on-line information services (eg travel planner)
  • Launch of awareness-raising campaigns
  • Elaboration of educational materials
  • Permanent access restriction to city centres
  • Launch of seamless transport modes to facilitate access to business areas or other social areas
  • Organisation of regular fora or surveys on public opinions and ideas
(1) European Mobility Week: http://www.mobilityweek.eu/cities/?ci=iWabJQRJ&year=2015
(2) UrbanEcoFestival http://vrbanfestival.com/

mercoledì 16 settembre 2015

PRATO, VERGOGNA ETRUSCA

Copio un "urticolo" di oggi de La Nazione, che si somma alle infinite 'vergogne etrusche' di questa città dove vivo, Prato: "Interporto, nuova ciclabile e capannoni. Uno sarà destinato ai reperti etruschi". Insomma, altra cementificazione (con verde 'finto' per camuffare l'orrore e con contentino 'ciclabile' più deposito per gli scavi, D E P O S I T O!).  Altro che valorizzazione del sito etrusco, ci sono solo le 'prospettive interessanti' per l'interporto!
Ricordino: gli scavi sono fermi e così resteranno. Intanto la Regione non compra l'area archeologica - vi ricordate? doveva comprare! -  è tutto fermo, insieme all'ampliamento dell'Aeroporto di Firenze e Interporto. 

Sarà questo il Parco della Piana, i capannoni con i tetti di colore verde?







Bene è tornato...cax cax!

Carmelo Bene è tornato, l'altra notte.
Questo è stato più o meno il nostro dialogo.

BENE  Svegliati.

ME       Sì?

BENE   Tu dormi e qui succede un macello.

ME      Dove?

BENE   Tutta questa confusione, questi spettacoli, questi eventi!

ME       Non me ne occupo io, Carmelo. Per questo, mi svegli?

BENE   Certo, cax cax, non ci si capisce niente. Lo fanno apposta, apposta.

ME       Non seguo, sono molto impegnata con il mio lavoro in teatro...

BENE  Confusione confusione, cax cax!  eventi, scorregge scorregge!

ME       Dài, Carmelo, non essere volgare.

BENE   Sì sì, sono volgare volgarissimo, cax cax, sono scorregge, metano per ottenebrare i vostri cervelli. Devi fare qualcosa. Mettono gli eventi al posto della realtà, la finzione al posto della realtà; cax cax!

ME       Mi spieghi meglio di cosa parli...?

BENE   Per capire, sveglia, non dormire, cax cax quando parlo, ascolta il Maestro!: al LEgofestival
...

ME  Ecofestival?

BENE  Sì, Legofestival...

ME   Maestro, non sia cattivo; danno comunque il buon esempio...è una bella iniziativa. O no?

BENE   Parlano della bicicletta solo al festival della bicicletta, ma nessuno, cax cax di questi va in bicicletta, porcoqui porcolà, se non per le giratine! Tu puoi andare in bicicletta solo là, nel recinto! Come i pellerossa, capito, nel recinto!

ME      Ma che c'entra con il teatro...tu ti occupi di ecologia?

BENE   Ma non capisci proprio niente, non capisci proprio niente, SEI PROPRIO UNA DONNA, cax cax! Una minorata! Volevo dire che vi stanno fott...!

ME       Carmelo, sto facendo uno spettacolo su Tien An Men.

BENE   Ah ah ah!

ME      Perché ridi? E' una cosa seria.

BENE   Per questo per questo porcadellamiserialadraimpestata, che rido!  Ricordati che con i pellerossa ci fanno gli affari, affari, affari...

ME     I cinesi non sono pellerossa.

BENE   Sì, ma gli affari sì, sono pellerossa!

ME     Ma, come?

BENE Vedi che non capisci niente, non capisci, SEI PROPRIO UNA DONNA, cax cax, una donna! Ma perché io sono stato condannato, nell'aldilà, a parlare con una donna, con una donna!

ME     Scusa, ma...volevo un consiglio da te.

BENE   Dài, chiedi. Approfitta di questo momento di tenerezza del Maestro.

ME     Ecco...è uno spettacolo difficile, nel senso di...raffinato, ecco. Oggi si fanno solo spettacoli comici, e allora, sai, sono un po' smarrita. Come la prenderà il pubblico!

BENE   CaRLo te ne frega del pubblico! Fallo per noi, spettatori di quassù...perché dei comici non se può più! delle loro caRLate, basta, quassù ci stiamo mortalmente annoiando, cax cax, alle loro battute ci mettiamo a piangere, ih ih ih.

ME     Maestro, non pianga, La prego.

BENE   Ma non sto piangendo.  Basta, me ne vado. Cax cax.

ME     Ah, ma ha la bicicletta! Maestro, sono proprio contenta che anche Lei usi la bicicletta...

BENE   Ma perché mi hanno condannato a parlare con una donna, eh? Con una donna?! Io non andrò mai nel recinto, ad ascoltare le loro caRLate!  Cax cax. (Via).

martedì 15 settembre 2015

Perché, consigliere Alberti, ci scansi?


Il consigliere Gabriele Alberti, presidente della Commisione Cultura del Comune di Prato, scansa il nostro teatro. Il teatro La Baracca. Eppure ci abita vicino vicino.
Ogni volta che passa davanti, come stamani, trasvola dall’altra parte del marciapiede, come se l’edificio stesso avesse la scabbia, fosse contaminato, radiattivo.
Radiattivo di pensiero differente.
Magari ha visto la locandina sullo spettacolo di Tien An Men, ed è preoccupato?
No, no. O non solo.
In realtà non è mai venuto per assistere a uno spettacolo, o a darci una parolina di conforto, magari chiedendo: “Che fate di bello?”
Eppure siamo qui da molto tempo prima che lui venisse a vivere a Casale.
Consigliere Alberti, coraggio, non siamo così brutti e cattivi,  adempia al suo dovere istituzionale e si informi un po’ sulla cultura che vive e lotta per sopravvivere in periferia! Non si muova solo quando a Prato arriva il signor Guccini!

Non era la periferia uno dei punti del programma vostro, del PD?

Noticina conclusiva su Lo spettacolo della città in Valbisenzio

Spettacolo della Città in Valbisenzio. Vi ricordate? quello che facciamo col pullman che in diversi hanno tentato di sco...