martedì 30 agosto 2016

In Valbisenzio manca la schiacciata


In merito a Lo spettacolo della città in Valbisenzio di domenica scorsa 28 agosto, ricevo questa lettera:

Carissimi Maila e Gianfelice, 
il viaggio teatrale in Valbisenzio è stato molto bello, per me anche a livello emozionale poiché ho ritrovato sensazioni messe in soffitta … I brani e le vostre interpretazioni sono state come sempre adeguate al luogo e bene interpretate. Su questo chi vi conosce sa di non avere dubbi. Qualcosa però mi lascia un po’ di amarezza: mi pare che venga sottovalutato il lavoro di due persone che costruiscono uno spettacolo che sicuramente valorizza il territorio, però richiede ore ed ore di sopralluoghi, viaggi su e giù dalla piana al monte per raccogliere le informazioni adatte a mettere in scena uno spettacolo viaggiante. Vedo come vengono "presentati e ripresentati" eventi molto meno interessanti, invece noto che a promuovere questo evento tocca sempre e soltanto a voi, come la prevendita! Poi arriva il giorno della partenza, e sempre voi accogliete e sbigliettate ... poi si parte e c'è da fare la rappresentazione, su un pullman, ma stando attenti alla strada …Tutto va bene, tutto è bello e ben costruito, il pubblico è attento e recepisce bene e alla fine i due artisti sono soddisfatti! Ma non è finita, appena rientrati a Casale , dove l’asfalto brucia e restituisce il calore dell’afosa giornata, i due sono disponibili ad aprire la Baracca e preparare uno spuntino … e non si respira … ! Loro stanchi e senza ritemprarsi un attimo sorridono parlano, versano il vino, mettono le sedie, ci accolgono ancora, poi svuotano i sacchi … spengono le luci e vanno finalmente a farsi una doccia!! 
I conti dell’incasso penso non ci voglia molto a farli … si fanno a memoria! Allora mi domando se non ci sono i soldi per queste cose, in tutta la valle del Bisenzio non avevano un pezzo di schiacciata e un bicchiere di vino da offrire, o un sacchetto di biscotti … magari specialità della zona … un bicchiere di vin santo ... in modo che i due artisti al termine della performance si potessero riposare come tutti i cristi dopo il lavoro? Un lavoro faticoso come il carpentiere … o il muratore!  Mi pare che un tempo agli artisti di strada si offrisse la pastasciutta, o almeno un bicchiere di vino! Comunque e per fortuna il pubblico apprezza il vostro lavoro che è indubbiamente interessante, ricco di storia, di professionalità, ma ripeto, un grande lavoro!! Grazie davvero per il vostro impegno nel tenere viva la memoria storica e geografica del territorio. Maura S.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ineccepibile!
Brava Maura per aver dato voce e forma a sentimenti e pensieri condivisi credo da tutti.
Manuela


Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...