mercoledì 28 settembre 2016

La dittatura del contemporaneo

E' in atto in varie città d'Italia un'azione di politica culturale discriminante.

Sempre più frequentemente si attua attraverso l'arte contemporanea. O meglio, attraverso una pseudo-arte contemporanea. O anche un'arte pseudo-contemporanea.

Per questo si allargano e proliferano forme di vita contemporanee. Studi contemporanei.

Città contemporanee, dove si vive come in un luna park. O in un supermercato.

Anzi, nel contemporaneo vero la città è nel centro commerciale. Che ha sempre nomi di fiori o di parchi.

Chi non è contemporaneo è tagliato fuori, è uno scarto, è rifiutato.

Di più: è deriso. Come un vecchio.

La derisione, si sa, fa parte di ogni dittatura.

Dobbiamo tutti partecipare alla 'festa del contemporaneo'. Altrimenti si diventa vecchi e derisi.

Oggi è non vecchio chi ha cent'anni, ma chi non è contemporaneo.

Teatro, arte figurativa, politica, azione.

Tutto deve alitare di contemporaneo.

La città di Prato, per esempio, deve essere contemporanea. E ci sarà un nuovo museo d'arte contemporanea, che era già contemporaneo, ma doveva essere reso più contemporaneo.
Perché si stava adagiando nei fasti del passato.

Nel contemporaneo il massimo dell'archeologia prevista è quella industriale.

Anzi è ritenuta l'unica archeologia vera. Interessante. Ché parla di 'lavoro'. E dei padroni del contemporaneo.

L'arte contemporanea, come vediamo anche a Firenze, è una mise-en-space, una installazione. Veloce, rapida, consumante, dove il 'messaggio' ne è travolto. Non 'arriva'.

Non importa. Deve essere così. E' il contemporaneo.

Il contemporaneo è veloce, emotivo; tutto il resto, il razionale, lento, non è contemporaneo, e va abolito. E' vecchio.

Nessun spazio è tollerato per la riflessione. Tutto consumato lì e subito. Aria acqua terra, tutto. Soprattutto terra e acqua.

Il 'vestito contemporaneo' viene indossato dalla politica e dall'economia per esercitare l'azione dominante e repressiva. Arraffatrice. Contemporanea.

La dittatura, negli ultimi tempi, veste contemporaneo.






Nessun commento:

L'artista fantasma

Artista fantasma. Ci sono, ma non mi vede nessuno. Ho detto due cose un po' bruttine su quegli che c'hanno in mano l'ince...