mercoledì 21 settembre 2016

Perché a Prato non ci sarà il museo di Gonfienti

Il 24 e 25 settembre prossimo si celebra la Giornata del Patrimonio, con un ricco programma di visite a musei ed eventi.

A Prato non si organizza niente. 
Invece, nella vicina Campi Bisenzio, sarà l'occasione per inaugurare il Museo Archeologico presso la Rocca Strozzi, dove saranno allestiti i reperti trovati nella zona, pratese per la verità, di Gonfienti. Anche se non si sa al momento cosa e quanto sarà 'mostrato'.

Non è significativo?

Ora, in altra situazione, con un'area archeologica degna di questo nome e con altre prospettive, non ci sarebbe stato nulla da obbiettare sul fatto che il museo di Gonfienti (anche se un tempo si parlava di Villa Niccolini e sappiamo com'è finita  (1-)) venisse allestito a Campi Bisenzio, tra l'altro ci sarebbe tanto da scavare ancora visto che quel Comune è confinante con la zona archeologica di Prato, invece di costruirci sopra altro inutile pseudo-interporto; ma stando così le cose, nell'assoluta mancanza di ogni cura  e interesse politico nei confronti dell'area archeologica, che piuttosto si spera venga dimenticata al più presto - e qui il Sindaco Biffoni non ha rispettato gli impegni elettorali -, ecco che invece il museo etrusco inaugurato altrove, seppure 'a due passi' di distanza, dimostra la volontà di rendere Prato la città moderna e futura, che in realtà significa città del cemento e dell'imprenditoria più frettolosa, dei macrolotti, degli affari e della finanza, e anche, perché no, dell'inquinamento (proprio nella zona est di Prato c'è il peggio del peggio a tal riguardo...), in barba al rispetto della storia e del paesaggio.

A Campi Bisenzio, città più piccola e domestica,  succube dell'area metropolitana fiorentina, dove nessuno ha mai protestato, assorbita dal mega centro commerciale de I Gigli, i reperti tratti dalla zona dell'Interporto di Prato, allestiti in  mezzo ad altro contesto museale,  ci possono stare. Non danno fastidio a nessuno e mettono al riparo la Soprintendenza da critiche ('dove sono i reperti?') e dissapori. Si sta tutti più tranquilli.  E si sganciano dalla sua origine interportuale.

Affermare che Prato è città anche antica, come sarebbe stato creando un museo permanente insieme all'area archeologica nella 'zona rossa' dell'Interporto (e non solo), sarebbe stato porre l'ostacolo alle ruote del carro della razza padrona cittadina (e non solo), quella finanziatrice anche di giornaletti ricamati e profumati, e di libri nostalgici del 'tempo che fu cardato', che appunto ha voluto e vuole interporto, il suo ampliamento come dell'aeroporto e tutto il corredo per fare i propri affari.  Vuole fare, possibilmente, le cose in grande, senza inciampi impicci o lagnanze; senza le bagattelle del passato.

E li avrà, tutti: ci hanno assicurato i suoi arlecchini camuffati da cherubini, che tengono sempre la strada verso l'inferno ornata di dolci inganni, buffe paratie, distrazioni, belle occasioni e tanti sorrisi. Ma sempre pronti a graffiare a fondo, quando è il momento.

Quindi, dopo la risibile mostra-contentino, un vero e proprio 'ciaone' alla città, che hanno allestito sugli Etruschi, dal tristissimo titolo annunciatore,  L'ombra degli Etruschi, una mostra che costituisce piuttosto una presa per i fondelli nei confronti della cosiddetta cittadinanza, che però l'ha praticamente disertata, Prato avrà posta sulla testa la coroncina del suo destino futuro: la sua contemporanea modernità. Dell'Ità.  L'inaugurazione del 'nuovo' Pecci, a ottobre, che ricordo fu costruito  a suo tempo dall'omonimo imprenditore, rimarca infatti quello che la città deve essere e rappresentare.

Così il potere fa la storia. E tu, come dicono a Roma, 'fai pippa'.

L'aspetto più triste è stato ed è lo spettacolo di un'opposizione inutile, che non ha capito nulla, o meglio, non ha voluto capire,  il valore politico, e parlo del solo politico, della cosiddetta città etrusca, pensando, in qualche caso, che coloro che volevano valorizzare la fastidiosa città antica dei 'quattro sassi' fossero una compagnia di poveri e patetici nostalgici. A cui poteva esser dato qualche biscottino, via, e molte chiacchiere in pasto. E questo la dice lunga e sull'opposizione stessa, (come una parte di essa ha dimostrato quando è stata a comando della città),  e in qualche caso, sulle capacità dei suoi protagonisti, troppo spesso pessimi dilettanti, e in qualche caso così scelti e voluti, veri e propri ignoranti. 


(1) Il Comune di Prato aveva stanziato 700 mila euro per acquistare parte di Villa Niccolini e farci il museo di Gonfienti. E invece...Nel primo articolo si legge del museo; e nel secondo di come è andata a finire: a Villa Niccolini ora c'è un condominio.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/02_Febbraio/16/etruschi.shtml
http://comunicati.comune.prato.it/generali/?action=dettaglio&comunicato=14200400000647


3 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara Maila, ti riporto qui sotto quanto dichiarato dall'allora Assessore Mazzoni ad una mia question time presentata in consiglio comunale nel lontano 2006... non è necessario che lo commenti, parla da sè.
Un abbraccio
Moreno

17/02/2006 15:11
Consiglio ComunaleUn progetto nel progetto per la cultura
Un filo diretto tra Gonfienti e il nuovo Museo Civico

L'assessore Mazzoni risponde a Zazzeri (Comunisti italiani) e chiarisce l'equivoco nato sulla destionazione dei reperti di Gonfienti

Il nuovo allestimento del Museo civico avrà un collegamento diretto con l'area archeologica di Gonfienti e formerà un circuito museale con Villa Niccolini, che in una porzione ospiterà ed esporrà i reperti provenienti dagli scavi della città etrusca. Un progetto nel progetto insomma, che rappresenterà diverse importanti epoche dell'evoluzione e della storia di Prato, dagli etruschi al Rinascimento e oltre. E' questa l'anticipazione fatta dall'assessore alla Cultura Andrea Mazzoni nella seduta del Consiglio comunale di ieri 16 febbraio. Ha fatto da 'traino' la risposta dell'assessore al capogruppo dei Comunisti italiani Moreno Zazzeri, che in un question time ha chiesto chiarimenti su un accordo tra Soprintendenza ai beni archeologici della Toscana e il Comune di Campi Bisenzio, di cui ha dato notizia un quotidiano locale la scorsa settimana, per la nascita di un deposito e laboratorio di restauro per i reperti rinvenuti a Gonfienti, che 'scipperebbe' a Prato un'occasione attesa da tempo. Mazzoni ha chiarito che si tratta di un equivoco, in quanto la convenzione stipulata con il Comune di Campi Bisenzio dalla Soprintendenza riguarda solo i reperti pre-proto-storici rinvenuti nei lavori per la Mezzana-Perfetti-Ricasoli che saranno raccolti nella Rocca Strozzi del paese: «Si tratta di notizie prive di fondamento - spiega l'assessore Mazzoni - dal testo dell'accordo, inviatoci dalla Soprintendenza, non risultano infatti mai comparire le parole Gonfienti o etruschi. Il Comune non solo è perfettamente consapevole del grande valore che il patrimonio di Gonfienti rappresenta, ma è stato anche l'artefice insieme alla società Interporto della Toscana e Soprintendenza di un'operazione che ha saputo conciliare lo sviluppo infrastrutturale, grazie al quale la città sotterranea è riemersa, e i reperti etruschi: proprio per questo nel progetto di rinascita del Museo Civico, per ora allo stato embrionale, intendiamo creare un richiamo con la città etrusca sul Bisenzio e il suo museo, VIlla Niccolini, che in base ad una convenzione firmata l'anno scorso con il Comune, dedicherà 530 metri quadrati all'esposizione».

Maila ha detto...

Grazie, Moreno.

Prima di tutto perché così mi sento meno isolata in questa lunghissima, estenuante battaglia.

E poi, soprattutto, grazie perché davvero il testo che riporti è un documento molto importante.

Infine, è davvero incredibile che nessuno, all'interno del consiglio comunale di Prato e anche fuori, dica nulla al riguardo; una dichiarazione, una reazione, un dubbio, niente.

A presto.

Anonimo ha detto...

Alcuni troppi perdono tempo a inseguire la visita di Renzi in questi giorni a Prato, ma poi si lasciano sfuggire le cose importanti. Troppi inseguono i giornali, perdono tempo a mettersi in mostra su facebook cavalcando la notizia del momento.
In alcuni casi i giornali sono diventati mezzi di distrazione di massa.

Complimenti, bel post.