sabato 10 dicembre 2016

Cantagallo: Comune Carità

In perfetto stile renziano e beghino, il sindaco di Cantagallo (Prato) annuncia che non metterà le luminarie e non regalerà un concerto, ma darà i 2.500 euro destinati alla cultura alle famiglie bisognose, che, tramite un 'bonus', potranno andare a mangiare una pizza o a comprarsi chissà cosa.

Sarebbe stato molto meglio offrire un concerto natalizio o mettere le luminarie o non so cosa con quei miseri spiccioli.

E' evidente che la cultura per questa gente non conta niente, ma contano molto di più i bonus-voto, pur miserandi che siano.

Per raccogliere dei miseri spiccioli bastava organizzare una riffa di beneficenza.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Nello stesso momento a Prato si gettano dalla finestra 20.000 euro per un osceno mercatino che pare più una serie di prefabbricati allineati a casaccio e poi si parla di coerenza di idee e linee politiche comuni.....siamo veramente in balia di totali , ciechi incompetenti.
E in effetti la scelta del sindaco di Cantagallo sa più di mancetta: oltretutto potevano devolvere quella cifra LASCIANDO un minimo esborso per le luci natalizie. Come? Togliendosi qualche centinaio di euro dalle buste paga per un mese: ma figurarsi quello è "populismo" grillino. ...vero cari "democratici"?

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...