sabato 24 dicembre 2016

Nel paese dell'intrigo e dell'invidia...

Dunque scopro che lo spettacolo per bambini che facciamo alla Baracca prossimamente, senza percepire un centesimo pubblico (Pagliaccia Secca SOS il 26 dicembre e il 1 gennaio ore 16,30), nel programma di Pratofestival non è inserito nella sezione di teatro per bambini.

C'è invece tutta la programmazione di Arci di Prato (che praticamente pagano gli spettacoli 200 euri più qualche mancetta) e quelli organizzati dalla METamamma e TPO babbino.

Noi alla Baracca esistiamo a Prato solo quando ci trasferiamo al Magnolfi per una manciata di euri- tra l'altro chissà quando mi pagheranno per lo spettacolo dei celestini visto che hanno sbagliato anche il buono d'ordine e quindi devono rifare tutta la procedura, e da due anni, ogni anno, c'è qualche intoppo di questo tipo... -.

Insomma, il teatro ragazzi a Prato è diventato all'improvviso a regime di monopolio anche nel periodo natalizio. E tutti gli altri che non siano gli 'unti del signore' possono crepare.

Intanto festeggio appunto i 15 anni di Pagliaccia Secca, che gode di ottima salute; i quasi 10 anni di Dina La Vespina, Baco Gigi Sciò, e Pratopezza; 20 anni delle varie storie con la Befana - Befana Barbagianna, Beffana,  Puzzocchia - i 3 anni di Petuzzo, e tanti altri personaggi.


Nel paese dell'intrigo e dell'invidia,  nessuno ti perdona la creatività.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Una amministrazione serva di Firenze e della Regione che obbedisce a tutti i desiderata (compresi quelli culturali ) di questi due soggetti -padroni, ecco quello che abbiamo a Prato. L'ordine è dare carta bianca ai circoli Arci su questo ( e altro ) ? Si esegue, e chi se ne frega se esiste chi certe cose le fa già molto bene e da anni in città con pieno successo. ...anzi meglio emarginarlo.
Beh credo che siamo al punto più basso sotto questo profilo toccato a Prato. Ma la massa di pecoroni con anello al naso continua a votare questa gente senza chiedersi quanto vale e cosa (non) fa per Prato. Tempi bui.

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...