domenica 12 febbraio 2017

"Io e Federico", replica straordinaria







La critica militante è assente  o va nei teatri paludati, ma il pubblico sopperisce con i suoi commenti,  sinceramente e liberamente.


"La genialità ti contraddistingue...Federico oggi sarebbe proprio così, ma tu saresti davvero a tuo agio, se ciò fosse vero! Stupiscici sempre così". (Silvia).

"Grazie, mi sento più acculturata, mi sento meglio, mi avete commosso". (Cetty).

"Idea veramente originale e ottimamente rappresentata. Complimenti!" (C.Trinci).

"Un viaggio nel tempo che è poi soprattutto nella contemporaneità, attraverso lo sguardo di un personaggio storico carismatico e sfuggente, che affronta dalla sua prospettiva apparentemente straniante le trasformazioni che ha subito il mondo durante la sua assenza, scoprendo in fondo che sotto la superficie tirannie, censure, desiderio di gloria e appetiti di ogni tipo appartengono all'oggi più che al passato, in forme perfino di infide. Ottimamente recitato, con un testo di grande potenza. (S. Manfrida)

Nessun commento: