mercoledì 12 aprile 2017

Io sto con Giovanni Mongiano

Naturalmente tutti i colleghi attori sono morti d'invidia (e anche qualche direttore ha stretto i denti) nel leggere che il giornalista Gramellini del Corriere della Sera aveva dedicato la sua riflessione quotidiana all'attore Mongiano, che a Gallarate ha recitato in un teatro vuoto.

I colleghi, livorosi che uno di loro non famoso e non appartenente alla solita greppia ma bravo, abbia potuto raggiungere tanta notorietà, hanno cominciato subito a parlarne male; a dire: è un narcisista, è una trovata retorica e pubblicitaria, non si recita a teatro vuoto...

Come se l'attore non fosse, ontologicamente, un narcisista; o non avesse dovuto, lui da solo, senza i tromboni della politica, del teatro eccetera, suscitare tanto interesse.

Insomma: come si permette?

Un altro incompetente ha scritto un articolo accusando Mongiano di non aver fatto pubblicità sufficiente, e allo stesso tempo, si è rammaricato che il suo gesto abbia avuto così tanta eco, affogandosi in una petizione di principio.

Nel mondo teatrale Mongiano ha scatenato un pandemonio e lo ha un po' risvegliato dal torpore e dalla noia, unico o poco ci manca sentimento che desta, in una società indaffarata in altro, sempre con  bicchiere e bambolotto in mano.

Nessuno  si è posto il problema del teatro vuoto, ché gli attori sono troppo smarriti dalla loro inutilità nel mondo presente per occuparsene; né se il gesto, oltre a una trovata pubblicitaria (e perché no, visto che la gente di teatro non si affanna per altro, nella loro smania di diventare famosa e recitare?), non fosse per caso una provocazione nei confronti di una società che va a teatro soltanto se vede il divo tivvù?

Bravo Mongiano, mi rallegro per te e per il teatro italiano che ha incassato, finalmente, un bellissimo schiaffo, mostrando la sua vera faccia meschina. E purtroppo, anche per questo, inutile.

Nessun commento:

Riflessioni dopo la presentazione della stagione

Gianfelice mi ha detto: "Sembra un teatro finanziatissimo, e invece il teatro, la stagione non riceve un centesimo". Forse è ...