lunedì 1 maggio 2017

Troppe feste

Qualche giorno fa una signora per telefono mi dice: "Adesso non si può far nulla, ci sono troppe feste, gli uffici sono chiusi, è tutto fermo, non trovi nessuno".

Si lamenta poi anche un mio conoscente: troppe feste in questi giorni a cavallo fra aprile e maggio, feste che per molti hanno ormai poco senso o che dividono, come l'acido commentatore Massimo Fini ebbe a dire del 25 Aprile.

Nell'antica Roma questi giorni a cavallo fra aprile e maggio erano ugualmente festaioli, anche se per altro motivo dai nostri.

Dal 28 aprile al 3 maggio, ricorda Ovidio, si celebrava la Mater florum, festa meglio conosciuta come Floralia, che si svolgeva al Circo Massimo e dove i partecipanti dovevano presentarsi vestiti con abiti colorati a guisa di fiori. Vi si svolgevano giochi di caccia e rappresentazioni teatrali 'leggere' e primaverili, in tema insomma.

Il primo maggio poi non si celebrava la Festa del Lavoro, ma una dea severa e casta, la Bona Dea (come ci ricorda anche Thornton Wilder nel suo romanzo, meno famoso di Memorie di Adriano della Yourcenar, ma non meno bello e forse nella sua struttura più originale,  Idi di Marzo), che era rappresentata circondata dai serpenti; anzi addirittura ne teneva in mano uno. Qualcuno dice che la Bona Dea è quasi una anticipazione della Grande Madre cristiana, la Madonna.

Mentre di notte si sacrificava alla Bona Dea, di giorno si sacrificava a Maia, probabilmente la moglie di Vulcano, e da cui il nome del mese di maggio, dea questa che i libri dei Pontefici equiparavano però alla prima.

Ma torniamo al presente e alle nostre feste.

Molti le vorrebbero eliminare, ma ahimè è praticamente impossibile; ché sia quelle laiche e politiche, come quella di oggi, la Festa del Lavoro, o del 25 Aprile, che servono anche a dare un senso politico a organizzazioni che ormai ne hanno molto poca, o materia e argomento alla retorica di Stato, sia quelle religiose, tutte le feste sono diventate fonte di commercio e guadagno, e per questo fine quasi servono più dei giorni cosiddetti lavorativi o feriali. Tant'è che anche le un tempo battagliere Coop sono aperte la domenica e in molte feste comandate. E poi dove mettiamo San Turismo, da tutti considerato potenziale salvatore delle casse pubbliche e private?

E che le feste abbiano ormai questa funzione commerciale ed economica pura lo testimonia il fatto che ogni giorno o quasi è dedicato a qualcosa o qualche ruolo (e non più solo la Festa della Mamma o del Papà, ma il Giorno di...), e quindi diventa fonte di varia strumentalizzazione.

Da tempo le feste, tutte quante, hanno perso le loro sacralità e significato quindi a livello emotivo e politico non evocano né significano né celebrano più nulla.
Le feste insomma sono per la maggioranza di noi tempo di pura noia, e per questo nei giorni festivi molti si ritrovano e si salutano, catturati a far la spesa, nei vari spazi commerciali del mondo.

Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...