giovedì 22 giugno 2017

Disertate gli immobili!

Naturalmente non sono io che scrivo queste parole, mi sono state dettate da Carmelo Bene. Chi mi legge sa che ogni tanto mi appare in sogno. Anzi, spesso mi appare sotto forma di incubo del te(a)tro.

"Se potete, non andate nei teatri immobili.  Vi si fa spettacolo, non teatro! Al massimo diventa TE(A)TRO!
Per questo, anche se il 'prodotto' in sé può esser diciamo 'buono', in un teatro immobile si guasta subito, e diventa 'spettacolo', spettacolo immobile!

Il motivo di questo immobilismo è questo: nei teatri 'immobili' vige la legge dello scambio del borderò, della ruffianeria, della politica più bassa. Gli stessi direttori sono espressione di questa politica, e hanno tutto l'interesse per mantenerla. Nessuno protesta, nessuno dice nulla; nessuno vi farà sapere della cacca del teatro!

Il teatro, quello che ha di più temibile - atto di ribellione, rivolta, sconquasso - , non si trova là, se non di rado, sporadicamente. Come un errore.

Disertate gli immobili!

I direttori degli 'immobili' non possono prendere se non compagnie già sovvenzionate, altrimenti non vale il borderò e non possono ricevere altri finanziamenti. Questo sistema è soffocante, è assurdo, rende il teatro mediocre e misero. Oltre a essere totalmente anti-economico e 'razzista'. I direttori e i loro sodali - assessori direttori dei direttori, direttori funzionari - sono i primi affamatori dell'arte scenica!

Non siate i carnefici del teatro!
Smuovete gli immobili, disertate!

-Per recitare nei teatri italiani...bisogna essere, sovvenzionati, assistiti dallo Stato, quello che si occupa dei mediocri...sennò alla mediocrità chi ci pensa...se io voglio andare all'Eliseo...vengo da te, vengo a percentuale...no, non possiamo far niente...perché io per far questo devo già usufruire dei denari dei contribuenti...sennò il gestore dell'Eliseo non lo può fare in quanto non gli verrebbe dallo Stato riconosciuto il borderò, cioè le sue spese, le spese del personale...o bisogna essere assistiti tre volte, e più si è assistiti più si è mediocri...-". 


Nessun commento:

Riflessioni dopo la presentazione della stagione

Gianfelice mi ha detto: "Sembra un teatro finanziatissimo, e invece il teatro, la stagione non riceve un centesimo". Forse è ...