venerdì 2 giugno 2017

La putrescenza

Siete mai stati a Pescia?
In Toscana, provincia di Pistoia. La città della cultura dell'anno 2017.
Pescia è la città dei fiori, e anche della carta.  E' così vicina a Lucca, ricchezza d'acque!, dove l'industria della carta, soprattutto igienica, dà così tanta musica blues e cosplay a buon mercato! 
E senza volerla offendere, potremmo dire che Pescia è la città della putrescenza. Fiori recisi, carta macerata.
E' la città lambita dal fiume omonimo e da un elettrodotto mostruoso, che si può apprezzare nella sua potenza uscendo dall'Autostrada A11, a Chiesina Uzzanese (dove c'è la famosa discoteca Don Carlos con relativa e altrettanto famosa piscina). In località Marginone (ma già siamo in provincia di Lucca) l'elettrodotto con mega tralicci sovrasta le case, mentre a Pescia fa da corolla alle tante fabbrica dell'industria floreale.

Ho molti personali ricordi di Pescia, che è una cittadina amena, da visitare; dove sempre ci si fermava, ero bambina, durante i viaggi a Collodi o alla Svizzera Pesciatina. Al teatro comunale di Pescia bloccarono la rappresentazione di Matilda per presunta oscenità e vissi lunghi interminabili minuti...

Ieri il sindaco  di Pescia, Giurlani è stato arrestato per aver intascato dei soldi pubblici - pare - quando era a capo dell'ente che gestisce i comuni montani. Sembra che facesse benzina con i soldi pubblici e si riempisse anche il conto corrente con lo stesso carburante.
Ma davvero ha fatto questo, il sindaco?
E' così banale la corruzione,  così sistemica la putrescenza?
E quindi, visti i tempi, si deve cambiare il famoso verso di De André così: dai fiori nasce il letame?

Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...