giovedì 11 gennaio 2018

Verso il vòto

A leggere qua e là i nomi dei candidati alle prossime elezioni nazionali si osserva questo:

nei partitoni viene candidata gente 'sicura', del conformismo politico e partitico più asfissiante (scelte fatte dall'alto, dalle segreterie, dai capi eccetera), che deve servire soltanto a mantenere lo status quo;
nei movimenti e partitini si propone gente poco preparata culturalmente e  politicamente (i cittadini candidati, tutti possono candidarsi eccetera porta diritto diritto a una falsa democrazia).

Proporrei - e già l'ho scritto in questo mio diario - un esame basilare per tutti i candidati, a garantire un minimo di pensieri personali, di conoscenze storiche, geografiche, con lettura di alcuni testi fondamentali della politica, anche in versione semplificata tipo Bignami potrebbe andare; e poi una infarinatura tecnica seconda della candidatura: se ci si presenta al Parlamento, almeno avere una idea precisa di cosa sia e come funzioni eccetera. Aver letto almeno un libro di letteratura classica, e dar prova di un minimo di conoscenza musicale e artistica.
Tutto questo a evitare almeno le magre figure ed esser preparati alle discussioni importanti, il che sempre non avviene.


Al momento, fra le modalità della scelta dei candidati, non si sa quale darà i risultati peggiori.
Più che andare verso il voto, sembra un sprofondare sempre più verso il vòto.

Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...