venerdì 9 marzo 2018

Le autostrade dell'altrove

Viaggiando per l'Italia ri-scopro un paese assalito dai TIR impazienti, dalle automobili sfreccianti, dall'aggressività macchinica.
Non c'è spazio per il tempo lento, il viaggio come conoscenza si è dissolto. L'importante è arrivare, e consumare tutto in fretta, anche la strada. Mangiarla, letteralmente, con le ruote.

Ma ci sono anche momenti  inaspettati: per passare l'Appennino tutti, camionisti e automobilisti, percorrono la "Variante di Valico"; nessun TIR e pochissime macchine si immettono in quella che ora è chiamata  "Panoramica", ma che una volta era l'unica autostrada, perché non è funzionale all'avidità macchinica. Infatti rispetto al vecchio percorso la Variante promette e mantiene un risparmio di tempo di 15 minuti. E' un 'affare'.

Come per ogni aspetto della vita, anche nel rapporto con la strada si assiste allo stesso comportamento: solo quello che appare vantaggio concreto, convenienza, muove la folla.

L'altrove è ancora fortunatamente tutto libero.

Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...