lunedì 12 marzo 2018

Sotto la torre di maratona, orazione funebre in ricordo di Davide Astori

Ricevo e pubblico questa orazione funebre in ricordo del giovane calciatore Davide Astori, capitano della Fiorentina.

Il cuore dell’eroe si ferma solo quando tutto è stato dato, e il destino è ormai compiuto.
Come Maratona fu luogo di sacrificio per Fidippide, Eucle come ci dice Plutarco,
la maratona di Davide Astori, o meglio di Asto come ci dicono i ragazzi della Fiesole, è stata il comunale, lo stadio di Berta,
quell’Artemio Franchi laddove sotto la torre “garrisce al vento il labaro viola”.
Una maratona, caro Asto, da te percorsa e ripercorsa a testa alta mille volte,
partecipe in tutte le azioni per tenere la porta inviolata e subito rilanciare e far ripartire la squadra, senza mai desistere.
La  vittoria e il segreto per vincere, sempre e comunque tutte le partite, ce l’hai sempre comunicato in modo granitico
anche quando il risultato sul campo era avverso, come talvolta avverse erano le circostanze dentro e fuori lo stadio.
Caro Asto, hai dimostrato con il tuo esempio,  ben oltre la retorica dello sport, che tutto è relativo
come quando hai insegnato ai tuoi giovani compagni che la vittoria alberga sempre nel coraggio,
e forte deve essere la baldanza dell’atleta che si è ben allenato.
I tifosi, i fiorentini tutti e non solo, sportivi e non, hanno ora capito il tuo limpido messaggio
che forse, sopito nel loro cuore, già conoscevano senza saperlo.
Il tuo “abbiamo vinto”, pur non pronunciato, lo stiamo ascoltando adesso e vale, di certo, più di 10 scudetti.
Ed ora che abbiamo imparato non vogliamo più lasciare cadere quel messaggio che solo gli uomini, giusti e onesti, come tu sei stato,
sanno comunicare nel silenzio.
Questo è il valore universale dello sport!

Allo stadio  di Firenze, 11 marzo 2018
Beppe Centauro

Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...