venerdì 13 aprile 2018

E' la censura, bellezza!

Sono infastidita della continua censura riguardo al mio Turista il barbaro.
Inutile mandare comunicati, non li pubblicano, o li pubblicano male. Anche al debutto è stato così.
Men che meno parlarne a qualche direttore di teatro.
Ci sono argomenti che non vanno 'toccati', e uno di questi è il turismo. 
E' la censura, bellezza, non lo sapevi?
Sì, lo immaginavo, ma a questo punto! 
No, non se ne può parlare, nemmeno come scherzo!

Ben altro trattamento per i teatri impoltronati, o degli amici, anche se presentano spettacoli scipiti, noiosi, anticonformisti conformisti, confezionati!

Ma ostacolando il lavoro dei piccoli e indipendenti, mettendo a tacere o in sordina il loro lavoro di ricerca, alla fine annullate anche il lavoro degli impoltronati eccetera. E il turismo stesso!

La censura, a vari livelli, fa morire tutto.
Ma vallo a dire ai direttori, ai responsabili, agli assessori eccetera!
Molti di loro non intendono se non il loro bieco interesse, sono miopi.

Comunque, sabato 14 aprile, ore 21 a La Baracca c'è Turista il barbaro.




Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...