mercoledì 9 maggio 2018

La televisione, la moderna corte del re

La televisione, che pensavamo sconfitta con l'avvento della Rete, attraverso questa si è rafforzata.

Essa è lo strumento assoluto del dominio, che ormai nella realtà si esplica piuttosto economicamente, attraverso l'asservimento a certe pratiche a cui siamo costretti per condurre una vita cosiddetta decente.

Politicamente e culturalmente tutto avviene là; fuori nulla sembra esistere: persone, opinioni, azioni, opere, arte. 

Tutto è là confinato, e tutti guardiamo quel luogo e vorremmo andarci. La meta!

La corte del re si trova in televisione, nelle televisioni, e là troviamo i suoi ministri e i suoi cortigiani.

La corte è composta da cortigiani fissi e da cortigiani diciamo 'mobili'. 

Infatti ci sono le nuove entrate a corte; ogni tanto qualcuno viene introdotto, il fortunato!, omaggiato, riverito. L'unto dal privilegio! 

Tutto il resto ha poco valore. E il tuo valore non ti dà nessun resto!

La corte televisiva domina incontrastata sulle idee, le persone, i loro movimenti, i loro guadagni. 

Determina la loro felicità! La nostra felicità!

Pensate all'attore, al giornalista, allo scrittore, al musicista, al pittore, all'artista in generale, ma anche ad altri che svolgono mestieri non intellettuali! che non saranno mai nessuno perché non andranno in televisione! La fama sui social serve a poco o niente, tranne qualche eccezione, qualche meteora...

La televisione stabilisce quindi ciò che deve e può essere esistere, pensato, detto, e nei modi stabiliti dal potere.

Ma ricordate! tutto in televisione è falso, distorto, asservito per ottenere il totale servilismo degli spettatori, cioè dei cittadini, ossia tutti noi, perché ormai tutti siamo ricondotti in massa al misero e rabbioso mestiere dello schiavo-spettatore.


Nessun commento:

Gli ipocriti della bicicletta

Che favore ci ha fatto la signora Ovattoni con la sua dichiarazione contro la ciclabile di Viale Montegrappa!  Niente e nessuno poteva r...