martedì 1 maggio 2018

Primo Maggio a Prato, assenze e silenzi

Le tre sigle sindacali CGIL CISL e UIL hanno celebrato qui la Festa (nazionale) del Lavoro, e il tema era la sicurezza sul lavoro. Dopo la strage di Teresa Moda e non solo, Prato è diventata simbolo di una sicurezza che proprio nel laboratori cinesi non c'è. 

Ma i cinesi erano assenti alla Festa, e nemmeno si son visti in giro a passeggiare. Oggi, in particolare, tutti rintanati.

So bene che non possono, e che nemmeno vogliono farsi vedere in queste occasioni. La stragrande maggioranza di loro sono qui per fare soldi, punto. 

Nessuno dei sindacalisti che ha parlato, se non forse la Camusso, ha alluso veramente a loro; ma troppo poco.

Ma qui, osservare il costante sfruttamento umano, l'umanità silenziosa piegata tutto il giorno sulle macchine, queste vite così vicine e lontane che spesso vagano smarrite, insomma la visione  diretta, quotidiana dell'asservimento umano, è asfissiante.

Nessun commento:

Monologo del vampiro, un dittico

Ho cambiato la locandina del Monologo del vampiro per due motivi: primo perché qualcuno, vedendo la precedente, non dormiva la notte; ...