lunedì 11 giugno 2018

Nuovo governo, osservazione 2: Il Ministro Bonisoli faccia una riflessione sull'espropriazione culturale

Si è insediato il nuovo ministro alla cultura Bonisoli ed è andato a Pompei.  S'è messo in vetrina e ha fatto il suo discorsetto, affermando le solite banalità sull'Italia ricca di giacimenti culturali, con la prospettiva però tutta nuova di assumere gente alla cultura.

"La cultura non è profitto, ma lavoro".

Aspettiamo le assunzioni.

In realtà sono anni che mi aspetterei qualcosa di diverso, nel senso del rispetto della diversità di pensiero e creazione, e quindi di 'assunzioni' veramente a tempo indeterminato.

Che si faccia piuttosto una riflessione sulla espropriazione culturale che il nostro presente sta subendo ormai definitivamente in tutti i settori della cosiddetta cultura, una espropriazione antropologica, in un clima terroristico senza precedenti per cui chi non è affiliato al partito di maggioranza e non produce numeri da stadio è un perdente e non è considerato. Proprio non se ne parla.

Chi dice di difendere il diverso lo straniero eccetera poi mette in opera un'azione di denigrazione e svalutazione assoluta nei confronti di chi non è emanazione del dominio o non ne fa parte.

Il potere gestito dall'alto e dal profitto, dopo aver distrutto definitivamente la cultura delle classi subalterne in funzione manipolatoria per immetterle nel circuito del consuma e vota quello che devi, oggi distrugge il resto che rimane e si oppone, e lo stritola con la maschera della democrazia e della tolleranza. 

Di questo il ministro del 'governo del cambiamento' si dovrebbe anche occupare.

Nessun commento:

Milano prima in qualità della vita?

Ho qualche dubbio sulla classifica del Sole24h che dà Milano vincitrice 2018 per la qualità della vita. La città più vivibile di Italia? ...