sabato 31 dicembre 2011

Una nuova idea di verde


Mentre si parla della Prato verde, mentre il Comune presenta progetti di varia riqualificazione cittadina, intanto al Calice è in preparazione l’impianto anaerobico. Anche l'autorità provinciale si dà molto daffare in tal senso.

Mentre di giorno presentano progetti di 'verde', con giornalisti e flash, di notte brigano per farci il regalino dell’impianto.

Ah, il Parco della Piana con l’impianto anaerobico accanto al depuratore delle acque!, di cui non sappiamo praticamente nulla (per esempio del livello di inquinamento delle acque che fuoriescono dal depuratore stesso)...

Ah, Parco della Piana che i mister Enrico Rossi e Matteo Renzi vogliono condire con l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola! Un bel parco con dentro mille piste blu...Le mille piste blu, le mille piste blu...

Al Calice, dopo aver rinunciato all’inceneritore, ora tornano all’attacco.

L’idea di fondo è quella del signor Rancati, direttore di ASM: che New York sia il modello da seguire: grandi parchi,  tante aiuoline, tanti grattacieli (presto nascerà quello di Esselunga, espansione verticale a compensare l'espansione orizzontale della Coop) e tanta immondizia da nascondere e bruciare sotto il tappeto, per mostrare la casa bella. Sotto il tappeto verde.

Verde cartolina. Verde mostrina. Verde finto.

Una nuova idea di parco, di verde, insomma, è quella che viene fuori: con il jet che ti plana accanto mentre fai il picche nicche sotto un bel traliccio dell'alta tensione stile Calenzano, Macrolotto o dell'architetto Foster; con l'impiantino anaerobico nella zona dove fai la corsetta fra gore colorate e che gli uccelli sorvolano in cerca di pace e di ristoro...Con l'aiuolina fra le corsie delle declassate, dove gli automobilisti sono pronti a uccidere il primo ciclista malcapitato in una rotonda...

Intanto i cassonetti sono lezzi neri schifosi da morire, e la gente teme perfino di buttarci la propria spazzatura: vi si formano capannelli davanti e il rumorio è sempre più forte: cosa accadrà delle mie bucce d'arancia? e del mio barattolo vuoto di detersivo? e delle pile che così amorevolmente ho usato?


Nessun commento:

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...