venerdì 6 novembre 2015

La Pergola, quando il teatro diventa sfarzo disgustoso

E' di ieri la notizia che la Regione Toscana ha ridotto i soldi agli istituti culturali pratesi. Invece a Firenze, sembra tirare altra aria. Ricchezza, sfarzo.

Alla Pergola - teatro diventato teatro nazionale e quindi rivestito di soldi - Gabriele Lavia dirige Vita di Galielo di Bertold Brecht come se fosse un'opera lirica, con sfarzo.

Voi direte: dà lavoro.
Dà ad alcuni, ma ad altri si toglie o si è già tolto.

Io non ho visto l'opera, né la voglio vedere, ma basta scorrere il nuovo sito della Pergola (il vecchio è stato chiuso, a significare il passaggio ai 'soldi nuovi'), per rimanere disgustati dalle foto che si mostrano dello spettacolo. Brecht non amava la ricchezza, tantomeno a teatro e quindi potremmo dire che questo allestimento ricchissimo, non è filologiamente corretto.

E poi basti pensare alla versione di Strehler con Buazzelli, e scoprire che si può fare meglio con meno, molto meno.

E' il teatro di Renzi, questo di Lavia; il teatro che Rossi benedice: sfarzo, vetrina, luci, bella scenografia. Grande impatto visivo. Scenografie fatte per una volta, e poi buttate.  Il grande attorone, e il ricco spettacolo ruota attorno a lui.  

Il tutto in mano a pochi. Che tristezza. Che schiaffo a noi, artisti squattrinati, quanta ingiustizia in questa Toscana a Sinistra!

Viene rabbia. Ma poi si capisce che questo è un teatro assente, un teatro di cui non abbiamo bisogno, che non 'riflette' nulla. Che non crea, né deve crearlo,  nulla di nuovo o significativo.

E'  il triste e inutile teatro del potere.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Vedere togliere fondi a realta'piu' piccole (seppur interessanti,e vivaci culturalmente come la Camerata ,che creano percorsi di partecipazione per i ragazzi delle scuole fino agli anziani) per ingrassare i bulimici enti fiorentini pieni di clientele e "amici degli amici" e' un vero schifo.

Morire da turista

Sono morto da turista. Un privilegio per pochi. Nemmeno me ne sono reso conto. Ero lontano dalla mia città, Barcellona, che in questi gio...