lunedì 12 settembre 2011

Primo giorno di scuola

Primo giorno di scuola.
I discorsi di molti rappresentanti delle istituzioni italiane si uniscono in un solo coro, quello che unisce scuola, formazione e mondo del lavoro. 
Nella parola 'formazione' non si intende più, ahinoi, formazione dell'essere umano, del cittadino. 
La scuola mercato è quella che si profila davanti ai giovani senza alcuna possibilità di salvezza.
Questa scuola dovrebbe essere disertata, o scossa come un albero pieno di frutti avvizziti, implica solo torture, false promesse, inganni.
Questa scuola disumana, professionalizzata, non darà affatto più lavoro.
O se lo darà, sarà quel tipo di lavoro che vogliono per noi, tutti tutti, il lavoro dell'infelicità perenne.

Nessun commento: