domenica 27 novembre 2011

Che bella serata al Teatro La Baracca

Olandesi e rumeni (gli spagnoli ci sono già stati), italiani de-metastasizzati de-pergolighizzati eccetera sono intervenuti calorosi sorpresi e soddisfatti alla replica del Dramma intorno ai concubini di Prato.
Hanno detto, tutti in coro: che bella serata, finalmente abbiamo ripreso il gusto del teatro: in fondo basta poco: un grande testo, un tema significativo, nessuna scenografia, e attori che conoscono il loro mestiere.

Chi non c'era ha perso molto.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ieri sera abbiamo visto lo spettacolo. Veramente ci siamo riconciliati con il teatro. Il testo bellissimo, la vostra recitazione, una regia originale e pure semplicissima, ci hanno riportato al tempo in cui il teatro aveva ancora un significato e un'estetica. Vincenzo Bessi

Primavera di Prato ha detto...

Grazie, signor Bessi.
Effettivamente, come abbiamo commentato, è stata una serata speciale anche perché il pubblico ci ha manifestato apprezzamento in maniera piena, totale.

Voglio ricordare che a gennaio - dato che con maniere dittatoriali come al solito hanno cancellato il Circuito Sipario Aperto - il Teatro La Baracca tornerà a essere il teatro che era prima, senza finanziamenti pubblici o quasi e quindi il vostro sostegno è ancor più gradito.

Maila Ermini

Spigolature datiniane

Mi scrivono sull'opera Nel nome del Dio e del quattrino :  "Siamo gli spettatori di Firenze... Bello lo spettacolo sul Datini, i...