giovedì 12 gennaio 2017

Occhineri, Di Legami o dell ''ars venenandi'

In seguito allo scandalo delle presunte spie Occhineri (che controllavano mail e comunicazioni di personaggi importanti), il dirigente della Polizia Postale Di Legami, a quanto dicono vecchio e sapiente sbirro, è stato subito trasferito altrove, perché...'colpevole'.

Già, come volevasi dimostrare...infatti, anche considerando che il dirigente non sia stato proprio irreprensibile, è cosa nota e nostra lo spostare un funzionario che si è comportato troppo diligentemente e non doveva in una faccenda scandalosa, e lo si trasferisce proprio per punirlo. E' la cartina al tornasole della cattiva coscienza.

In un articolo de L'Huffington Post, subito si accusa il dirigente nel titolo: "Cyberspionaggio, la talpa dei fratelli Occhionero è un poliziotto", ma poi il contenuto dell'articolo sconfessa il titolo stesso.

"...Di certo negli ultimi mesi il responsabile della polizia postale Roberto Di Legami, rimosso dall'incarico dal capo della polizia Franco Gabrielli, davanti al comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti aveva lanciato più di una volta l'allarme per una sconsiderata assenza di un protocollo di sicurezza in grado di tutelare le strutture di comunicazione di uomini e banche dati dello Stato.
Come conseguenza di questo allarme, il Copasir aveva avviato un'inchiesta per capire le dimensioni del problema e come risolverlo. Soprattutto riguardo al centinaio di agenzie private che svolgono compiti di intercettazione per conto delle varie Procure italiane, ed entrano quindi in possesso di informazioni estremamente delicate...
"

Da questo passo sembrerebbe piuttosto che Di Legami sia stato rimosso solo perché ha compiuto 'il suo dovere'! E questo, eventualmente, non sarebbe certo il primo caso.
Anzi, in certi ambienti, è l'ars venenandi.


http://www.huffingtonpost.it/2017/01/11/talpa-occhionero-poliziotto_n_14104416.html

Nessun commento:

Il mondo del lavoro (1) : Babbo Natale

Buongiorno. Finalmente ho trovato lavoro. Da oggi fino alla fine dell'anno. Mi hanno assunto come Babbo Natale e mi trovo davanti a...