mercoledì 8 febbraio 2017

Povero Tenco

Io non vedo il Festival di Sanremo, ma so che hanno chiamato due cantanti, ipocritamente, a interpretare"Mi sono innamorato di te" di Luigi Tenco. Quest'anno ricorre il 50esimo della sua morte.
Caso mai avrebbero dovuto cantare, anche per rispetto filologico, "Ciao, amore ciao".  Questa canzone cantò prima di essere ammazzato. (Io la penso così).
Ma la bieca melassa festivaliera non permette questo, ché significa riportare alla luce anche significati, parole di accusa, e fare i conti con un passato-presente che deve restare 'figurina'. 

Povero Tenco, in che bieca melassa continuano a ficcarti.


Nessun commento:

La memoria ha un piccolo teatro

Ho ritrovato le fotografie di quando, mio padre e io, iniziammo a trasformare La Baracca in un piccolo teatro. Le fotografie del cantiere. ...