giovedì 16 novembre 2017

Il tarlo del successo

Dopo aver parlato di abusi nei confronti di attrici e donne dello spettacolo, invito a parlare del tarlo del successo.
Questo animaletto che ci mette tutti nella condizione di merce. Le nostre qualità personali e il risultato dei nostri sforzi finiscono poi per essere vendute in cambio di denaro, prestigio e potere.

Chi si sottrae a questo mercato è reso ridicolo, scartato e buttato. Tutti, donne e uomini, nessuna differenza finale, pur con modalità diverse.

Ma perché questo tarlo è così potente? Oltre alla vanità, all'amore di sé, che sono motori fondamentali, c'è un altro motivo, sociale (e quindi economico): l'artista ambisce al successo perché viene rispettato nella sua individualità soltanto se è un artista riuscito, se riesce a vendere la sua arte (e si presta per questo a vendere anche il suo corpo, oppure la sua ideologia); altrimenti, se non vende o non si vende, lei lui rimane al margine, e alla fine diventa un eccentrico di cui ridere. O un nevrotico, una sorta di pazzo. E come tale nessuna considerazione è dovuta.

Il successo è questo.


Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...