venerdì 6 febbraio 2015

Il giornalismo distrutto dal clic

Perché il giornalismo 'on line' è conformista? Perché segue ferocemente il clic dei suoi lettori, che può controllare. Ogni articolo viene visionato: quanti clic ha ricevuto? Quanti commenti?

Alla fine si privilegiano quelle notizie che sono più cliccate, più commentate: come quelle del gattino ferito (come mi confermava una giornalista) o la foto della vamp di turno eccetera; o gli articoli sulle diete. O le sparate della vantona/e della politica locale.

Il giornale, che una volta lo faceva il direttore e l'editore, in eterno contrasto, ora lo fanno solo i cittadini, nel senso più bieco del termine però, abbassando sempre il livello, al fine di fare 'tiratura'. I cittadini, che credono di avere uno strumento democratico, sono invece strumento di chi fa il giornale solo per fare soldi, come puro affaruccio, o gabbarli, e controlla quali sono le coste migliori da scrivere per avere tanti clic.

Un giornale dovrebbe rimanere anche ferocemente cartaceo, un po' anti-pseudodemocratico  non farsi sporcare troppo dai 'commenti'.

Se i cittadini hanno  qualcosa da dire, molto meglio una letterina, oppure si sfoghino su facebook.

Il clic,  atto di puro terrorismo democratico consentito dal potere e concesso ai cittadini in funzione liberticida, è il vero distruttore di quel po' di giornalismo a cui rimaneva qualche minuzzolo di senso critico e di servizio.

Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...