mercoledì 2 dicembre 2015

Majolino, siciliano

Marcello Majolino,
siciliano.

Ieri mi sono impiccato
nel chiostro
di San Francesco,
a Prato.

Siete arrabbiati con me?
Vi ho inquietato!
E che dovevo fare...

Non sapevo dove andare,
senza lavoro
senza niente
senza più forza
per ricominciare.

La Curia mi manda
la lettera
dell'avvocato:
lasciare la stanza,
sfrattato!

Sì lo so,
dovevo aver la creanza
di lasciarla prima...

La carità ha un fine,
anche nel chiostro
c'è un confine;
prima o poi te ne devi andare!

Lo so.
Che dovevo fare?

Non lo volevo lasciare.
Non c'era speranza.

E allora ho pensato
di morire,
e di morire bene

almeno quello
in una vita
ricca solo
di errori
di sbagli
di inciampi!

Morire nel chiostro
di notte
all'alba,
ho pensato;
mi troveranno,
il mio corpo
come un martire
penzolato.

Nessun commento:

Parma aveva bisogno di diventare capitale della cultura?

Parma sarà la Capitale della Cultura 2020. Ma questa città aveva proprio bisogno di essere incoronata? Ci sono altre città che forse avre...