venerdì 16 ottobre 2015

Regione Toscana: manca l'assessore alla cultura

Forse, presi da problemi e aspetti della vita ben più importanti, non vi siete resi conto, o Toscani, che vi manca l'assessore alla cultura.

O come mai, ancora dopo diversi mesi, ancora non è stato nominato un assessore alla cultura alla regione più culturessa d'Italia?

Qualcuno obbietterà: non se ne sente proprio la mancanza.

E' vero, tuttavia i soldi qualcuno li gestisce e li distribuisce, e la scelta va fatta.

La scelta, se scelta ci sarà, chissà che non si tenga tutto nel suo ufficio Ser Rossi da Bientina onde evitare altre pubblicità tarocche come fu nel 2013,  sarà fatta in quale direzione? Saranno ancora gli 'aperitivi sul mare', e di nuovo e sempre più la confusione fra cultura e turismo, fra teatri e vetrine come testimoniano anche le ultime nomine ai pam della cultura, insomma sarà sempre di più la cultura metamorfizzata in San Turismo Salvatore e sua sorella Promozione Economica, e ancora vedremo tuffo di assessore in acque tirreniche per promuovere la stagione balneare come fece qualche passata assessora sirena?
La domanda urge risposta.

Intanto ecco la carrellata della pubblicità tarocca finanziata con i nostri soldi, che  fu velocemente ritirata a causa delle polemiche, e il tanto sbandierato filmetto pubblicitario. Falso come il turismo.











1 commento:

Anonimo ha detto...

Queste foto sono una vera baldraccata.

Catino il censore

Riflessioni dopo la presentazione della stagione

Gianfelice mi ha detto: "Sembra un teatro finanziatissimo, e invece il teatro, la stagione non riceve un centesimo". Forse è ...