lunedì 7 maggio 2018

Gli artisti si pagano a babbo morto (e sepolto)

Molti di voi hanno uno stipendio, una pensione, come si dice, un emolumento sicuro.

Tutti i mesi ricevete i vostri santi soldi. Pochi o tanti che siano.

Alcuni invece come me, no. Devono aspettare, spesso sollecitare, risollecitare quello che invece loro spetta.

Per gli artisti è sempre così. I soli che li pagano, subito, sono i privati. A parte qualche furbo (incluso direttoruccio di teatro di provincia) che 'tira'...e paga a babbo decomposto. Disgraziatamente i 'pago e subito' vogliono fare tutto a nero, e la cosa è sgradevole.

I committenti pubblici, scuole, comuni, enti vari, se va bene ritardano il pagamento di 40, 60 giorni: dico, se va bene, ma in troppi casi si deve aspettare ancor di più.

Fino ad arrivare a 6 mesi per avere un misero pagamento!

Voi ogni mese siete tranquilli, noi, dopo aver lavorato, bisogna scrivere mail, telefonare, insomma, dobbiamo continuare a darci da fare per aver il nostro.

E tutto questo è umiliante!

Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...