lunedì 19 marzo 2018

Ai poeti

Io vi avverto, poeti!
Leggere poesia è sempre più difficile.
Fra pochi giorni, una manciata,
diventerà impossibile.
Vi resterà solo
l'illusione di scrivere
lanciare i vostri segni
e non più su fogli
per il nulla e per nessuno!

Finché cesserete del tutto
l'inutile esercizio!

Io vi avverto
il tempo è scaduto 
e nello spazio rimasto
come dinosauri
di un museo disallestito
troveremo solo
di rime e versi
il vostro
balbettante scheletro.

Tali diventerete!
C'è un rimedio? No!
E poi perché?

Chi vorrà darvi il suo tempo e spazio?
Chi cercherà di capire?
Chi vorrà imbastire diversamente il mondo?

Nessun commento:

I gilet gialli non hanno nessun capopolo che li porta in piazza

Il popolo francese non si fa rubare la protesta da nessun capopopolo. In Italia ce la facciamo prendere da tutti. Ora uno, ora l'al...