venerdì 2 marzo 2018

Fine dello spettacolo

Una responsabile della comunicazione di un teatro mi chiede:
"Secondo te, perché il teatro o più in generale lo spettacolo, nella società dello spettacolo, è in crisi?"

E' molto semplice, e la dicitura 'società dello spettacolo' potrebbe essere fuorviante.
Lo spettacolo prevede spettatori e attori.
Nessuno vuole essere più spettatore, perché tutti possono e quindi vogliono essere attori.

Tutti possono essere 'attori' sui social, in Internet, in vario modo e in qualche modo. Protagonisti. E lo si preferisce al vedere altri recitare a teatro o al cinema.
Si deroga soltanto nei confronti di miti, personaggi speciali o simili.

Insomma, non c'è più distinzione fra chi recita e chi non recita.
Oggi tutti recitano grazie alla tecnologia. Non importa che cosa e come. I contenuti sono di secondaria importanza.
E quindi, mancando spettatori, non c'è neanche più spettacolo, o società.

Nessun commento:

Per la prima volta Datini a Palazzo Datini

Ieri sera debutto di  "Nel nome di Dio e del quattrino" a Palazzo Datini, pieno di gente, che ha molto apprezzato lo spettacolo...